Perché lasciarsi andare spaventa

Guida Guida

Ecco quali sono i motivi che ci portano a voler tenere il controllo in amore.

Lasciarsi andare, viversela, godersi il momento. E che problema c’è? Facile a dirsi, complicato a pensarci, difficile a farsi. Soprattutto quando l’altro ci piace e ci sentiamo tirate in ballo. Allora ragionamenti e teoremi perdono il potere. Ed è come se non riuscissimo più a pensare con la nostra testa.

Il desiderio dell’altro supera la paura che abbiamo di lui.

Le difese che fino a quel momento avevamo adottato cedono: ci sentiamo più vulnerabili, più sensibili, più aperte al sentimento. E al cambiamento. Per questo lasciarsi andare spaventa: non sappiamo cosa ci aspetta “al di là” della soglia. C’è sempre una soglia, quando qualcuno ci coinvolge.

“Da un certo punto in avanti non c’è più modo di tornare indietro”, scriveva Kafka. Ed è esattamente quel che accade nei sentimenti.

La paura di lasciarsi andare è legata alla consapevolezza del rischio di perdere il controllo. Di innamorarsi, per davvero. Di rimettere in discussione equilibrio e indipendenza emotiva di fondo. Di connettersi alla vita di chi fino a poco tempo fa non è appartenuto alla nostra storia. L’amore però funziona così.

Più ti controlli, più lo trattieni. Molla la presa: scommettiamo che vola?

Foto @ Voyagerix | Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI