Perché alcune donne snobbano San Valentino

Guida Guida

Qualunque donna, se ha accanto il partner sbagliato, può accantonare il romanticismo. Ecco perché

“Io non cerco l’amore. Cerco una pasticceria aperta.”

Ci sono donne che snobbano San Valentino, o almeno così pare. Lo scherniscono con acidità, prendono le distanze dall’amore o evitano di parlarne. Sarà che san Valentino è la festa degli innamorati, sarà che da single elargire pillole dolci è difficile, sarà che non sempre si ha la persona giusta accanto con cui festeggiare.

Fatto sta che “All you need is love” convince sempre meno.

Allora “San Valentino è una festa commerciale”, oppure è "indifferente festeggiarlo”. O ancora: “Ti prego! Mi ci vedi a regalare cioccolatini?”. Finché si tratta di single che snobbano San Valentino, la cosa è comprensibile. Ma quando a denigrare la festività sono donne accoppiate, ecco che la faccenda si complica. E la domanda arriva.

Come mai una donna teoricamente “innamorata” dovrebbe dire di non voler passare San Valentino con il proprio uomo? O cercare di organizzare la cena con le amiche proprio il 14 febbraio, anziché sognarne una romantica col partner?

A parole siamo tutte brave a fare le indifferenti, le evolute, le superiori al sentimento. Ma in casi come questo potremmo chiederci che cosa ci stia mancando all’interno della coppia. Che cosa non stia funzionando come dovrebbe. Che cosa ci abbia portato a evitare di stare con il nostro partner quel giorno. O, semplicemente, a evitare di pensarci.

Le donne snobbano San Valentino quando perdono il romanticismo. O, meglio, quando lo accantonano.

Qualunque donna, se ha accanto l’uomo giusto, diventa romantica: anche la più acida. Viceversa qualunque donna, se ha accanto l’uomo sbagliato, può finire con l’archiviare il proprio lato dolce. E fare spazio ad altro per non affrontare la non curanza o le poche attenzioni che le dà il partner. Allora il 14 febbraio diventa una festa da ignorare e trattare con poca considerazione. Altre volte non è il partner a trascurare la donna ma la donna stessa a essere meno coinvolta nel rapporto. E, quindi, meno entusiasta delle ricorrenze da festeggiare insieme. In questi casi la palla passa all’uomo che potrebbe cercare di risvegliare l’entusiasmo, proponendo attività e alternative fantasiose. Chiaramente la nube di fondo resta: qualcosa non va come dovrebbe o potrebbe.

“San Valentino: la festa di ogni cretino che spera di essere amato e invece rimane fregato”: era la filastrocca che canticchiavamo ridendo da piccole, senza averne colto ancora il senso.

Ora che siamo grandi possiamo comprenderlo e farci qualche domanda in più. E chiederci non tanto se San Valentino sia il giorno giusto per festeggiare, quanto se stiamo con la persona giusta e se proviamo il sentimento giusto per farlo.

LEGGI ANCHE: Come fargli capire che vuoi passare SAN VALENTINO con lui

Foto @ WindyNight | Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI