7 lezioni d’amore che si imparano dai genitori

Classifica Classifica

Tra le più grandi lezioni tramandateci dai nostri genitori, ci sono indubbiamente anche quelle sull’amore. Eccone 7 che abbiamo sicuramente imparato da loro.

Buona parte di quello che sappiamo sulla vita lo abbiamo imparato dalle persone che ci hanno messo al mondo e cresciuto: i nostri genitori.

Ci hanno insegnato ad andare in bicicletta, ma anche che quando si cade e ci si fa male non bisogna aver paura perché forse rimarrà una cicatrice, ma le ferite si chiuderanno e non si sentirà più dolore, prima o poi. Ci hanno insegnato a parlare, a camminare, a cucinare. Ma anche a pagare una bolletta, a giocare a carte, a pianificare un progetto. E tra le lezioni più grandi che abbiamo ereditato, ci sono anche quelle sull’amore.

Ecco allora 7 lezioni d’amore che si imparano dai genitori. Altri 7 motivi per essergli ancora più grati.

7. La diversità è ricchezza

via GIPHY

Per stare bene insieme, non bisogna necessariamente essere uguali. Avere interessi diversi, coltivare il proprio tempo libero in modo indipendente e poi arrivare la sera e chiacchierare su quello che si è fatto durante il giorno, è uno dei carburanti necessari a mantenere sempre acceso il motore dell’amore

6. Le differenza d’età non sono un ostacolo

via GIPHY

Chi ha detto che quando si sta con una persona che ha molti anni in più di noi, alla lunga le cose non funzioneranno? Sciocco credere che l’età sia un ostacolo alla nascita di un amore, anche nei casi in cui la donna è molto più grande dell’uomo


5. Sacrificarsi non vuol dire annullarsi

via GIPHY

Pensare che la nascita di un figlio corrisponda alla fine della propria vita è quanto di più sbagliato ci possa essere. Fare un figlio è una scelta d’amore e ogni sacrificio che scegli di fare per lui, non è un ostacolo ma un tassello in più per la costruzione della tua felicità. I nostri genitori ce lo hanno insegnato regalandoci la vita. 

4. Sopportare il peggio corrisponde a viversi il meglio

via GIPHY

Quando si conosce qualcuno, alla fine si finisce con il vedere unicamente i lati peggiori. Per questo la nostra generazione tende sempre più a fuggire dalle complicazioni: quando il vecchio diventa noioso e irritante, si va alla ricerca di qualcosa di nuovo. I nostri genitori ci hanno insegnato che il conosciuto può essere meglio della novità. Che quando raggiungi un livello assoluto di complicità con una persona, non vale la pena di abbandonarla solo per il piacere di provare un sapore nuovo (effimero tanto quanto un like sui social network)

3. L’amore non è possesso

via GIPHY

Volere bene a una persona non significa possederla. Significa darle i suoi spazi, il suo tempo, la libertà di compiere le sue scelte. Ricordiamoci sempre che il rispetto genera rispetto: imbrigliare le azioni di qualcuno nel proprio schema di “giusto” o "sbagliato" non vuole amarlo... è egoismo allo stato puro.

2. Gli anni passano l’amore no

via GIPHY

Il tempo si porta via con sé tante cose. La passione incontrollata dei primi tempi, lo stupore della condivisione, la bellezza che appartiene alla giovinezza. I nostri genitori ci hanno insegnato, però, che se è amore non sarà di certo una ruga o un qualche chilo di troppo a scalfirlo o distruggerlo del tutto.

1. L’amore esiste

via GIPHY

Inutile nascondersi dietro un dito quando una storia finisce male, conclamando a gran voce che “l’amore non esiste”, che è solo una grandissima illusione. L’amore esiste. La nostra vita ne è la prova. E se va male, vuol dire che quella barca non era abbastanza solida. Naufragare una volta non significa non dover andare mai più per mare.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI