Amore: cosa succede quando testa e cuore non comunicano

Guida Guida

Provare un sentimento, dire una cosa, farne un’altra ancora. Ecco cosa accade, in noi e nell’altro, quando testa e cuore entrano in conflitto.

C’è un diverbio che, da sempre, assilla uomini e donne: quello tra testa e cuore. Per alcune di noi la parte razionale e quella sentimentale non sono in conflitto; per altre invece ogni giorno scoppia “una guerra mentale” che mette in subbuglio certezze, sentimenti e calcoli.

Allo stesso modo, possiamo avere a che fare con un partner perfettamente congruente con i suoi sentimenti oppure incostante e traballante nelle sue decisioni.

Capita a noi, come può capitare all’altro, di non avere le idee chiare ed entrare in conflitto. Accade quando ci sentiamo coinvolte da qualcuno e non riusciamo a lasciarci andare perché la paura ci trattiene. Accade quando amiamo un “uomo-gambero”, che fa un passo avanti e poi cinque indietro nei nostri confronti perché non ha ancora chiarito (con se stesso) in che modo (e se) mettersi in gioco.

Non c’è indecisione che non parta dal conflitto testa-cuore. E non c’è soluzione che non preveda lo scioglimento di questo diverbio.

Agire con coerenza rispetto a ciò che proviamo per l’altro ci permette di affrontare decisioni e passaggi affettivi con serenità e una forza maggiore. Probabilmente, la cosa migliore da fare quando non sappiamo cosa fare è proprio questa: non fare nulla, e aspettare di avere le idee chiare. La risposta arriverà e verrà fuori dal dialogo, non più da un conflitto. Anche testa e cuore, a volte, hanno bisogno di tempo per familiarizzare, riconoscersi e riparlarsi.

foto © Dmitry Guzhanin - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI