Come scegliere cosmetici sostenibili

Guida Guida

Cosmetici sostenibili e sicuri: quali caratteristiche devono avere?

Come si distinguono i cosmetici naturali da quelli che non lo sono? Leggendo l'elenco degli ingredienti si può essere confusi, ma basta conoscere qualche nozione di base per saper distinguere tra cosmetici naturali e componenti che contengono più "chimica".

La scelta di cosmetici naturali non offre un contributo solo all'ambiente, ma è una scelta responsabile anche per la nostra salute: alcuni degli elementi che non sono naturali possono favorire lo sviluppo, in alcuni soggetti, di allergie.

Prima di tutto è utile considerare che l'elenco degli ingredienti che compongono i cosmetici è in ordine di quantità, da quello presente di più fino a quello contenuto in minor parte. Ecco come si può valutare ad un primo sguardo la maggiore presenza di alcuni composti rispetto ad altri.

Una prima informazione da tenere a mente è la distinzione tra i diversi tipi di tensioattivo, contenuti ad esempio nei prodotti per la pulizia personale, quindi shampoo, bagnoschiuma, detergente viso.

Il tensioattivo più comune è il famoso Sodium laureth sulfate, un elemento che siamo abituati a leggere sulle confezioni dei detergenti che abbiamo in casa: il Sodium laureth sulfate è, come tutte le altre sostanze tensioattive che terminano con "th", una sostanza vegetale di base che viene però modificata chimicamente.

Al contrario, i tensioattivi che terminano con "oyl" sono costituiti da elementi del tutto naturali, che non hanno subito modificazioni.

Il fatto che siamo più abituati a sentire il nome del Sodium laureth sulfate rispetto alle diciture con "oyl" ci fa capire quanto la chimica sia entrata nei prodotti per l'igiene personale e la bellezza.

Come interpretare le etichette dei cosmetici e salvaguardare l'ambiente e la nostra salute

Recandosi però nei negozi giusti, che si stanno diffondendo sempre di più, troviamo detergenti 100% naturali, dove oltre all'acqua non abbiamo composti ottenuti con la chimica, ma derivati così come sono dai vegetali.

Le erboristerie, così come negozi altamente specializzati in igiene personale naturale, sono la valida alternativa al Sodium laureth sulfate: in questi luoghi potremo non solo acquistare prodotti naturali, ma anche imparare qualcosa in più sul rapporto tra bellezza e ambiente, grazie ai professionisti che vi troveremo e al materiale informativo.

Un altro elemento al quale prestare attenzione per la nostra salute e quella dell'ambiente è il conservante. Come sappiamo, anche i prodotti cosmetici scadono e perciò l'uso di conservanti si rende necessario. Se l'alcool è un conservante naturale, altri tipi di conservante possono essere dannosi per la nostra pelle, come la formaldeide e il triclosan.

Infine non tutti sanno che molti prodotti cosmetici contengono derivati del petrolio: evitiamoli, per salvaguardare la nostra salute e il benessere dell'ambiente. Evitiamo dunque prodotti sulla cui etichetta sono presenti paraffina, vaselina, petrolatum e mineral oil.

Attenzione alla conservazione

Per evitare sprechi e preservare la nostra salute, dobbiamo conservare i cosmetici al meglio: evitiamo ambienti troppo caldi (fino a metterli nel frigorifero se in estate arriviamo a temperature molto alte) e chiudiamo sempre i contenitori in modo ermetico.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Bellezza e stile
SEGUICI