Come illuminare l’ingresso esterno

Guida Guida

L’ingresso di casa necessita di un particolare tipo di illuminazione al fine di segnalare la soglia e rendere ben visibili le persone in visita. 

L’ingresso, zona di separazione tra la sfera privata e pubblica deve essere chiaramente identificato da un‘illuminazione che lo renda riconoscibile anche da una certa distanza.

Una buon illuminazione dell’ingresso esterno è indispensabile oltre che per motivi di sicurezza anche per esigenze puramente pratiche come l’usare chiavi e serrature o l’individuazione di eventuali gradini e dislivelli.

Negli edifici d’epoca storica accanto a statue di animali in pietra, sorta di custodi e numi tutelari della casa, si era soliti porre coppie di fonti luminose quasi a sottolineare un varco oltrepassato il quale ci si lasciava alle spalle l’oscurità della strada.
Negli edifici moderni invece ha fatto il suo ingresso il video-citofono che implica una presenza luminosa laterale al fine di rendere riconoscibili le fattezze degli ospiti in visita.
Oltre all’ingresso diretto sulla strada esiste un secondo livello di soglia, tipico dei complessi condominiali o delle villette, che prevede un’area verde antistante l’ingresso vero e proprio dopo il primo ingresso sulla strada: si tratta di zone semipubbliche come i porticati, i ballatoi, i cortili e le scalinate. Queste zone semipubbliche prevedono un tipo d’illuminazione che va ad agevolare il transito rispetto al riconoscimento della persona in visita.

In tutte le zone di transito la luce deve aiutare ad orientarsi segnalando i percorsi da seguire rendendo ben visibili piani orizzontali e verticali nonché oggetti e volumi: a tal scopo sono sufficienti anche semplici tracce luminose come apparecchi a incasso calpestabili.

E’ opportuno segnalare sempre la méta, il punto di approdo, che solitamente consiste nella porta di accesso principale e che deve essere visibile, fin dal primo tratto, lungo tutto il percorso per raggiungerla.

Lungo il percorso l’illuminazione deve essere sufficientemente potente e segnalare eventuali zone rischiose come gradini, vasi e ostacoli di ogni tipo. Infine, sulla porta d’ingresso solitamente vengono adottate coppie di apparecchi diffusori a parete e luci traccianti e radenti poste ai lati dell’uscio.
 

foto © bmak - Fotolia.com

Adattamento visivo

Tieni conto dell’adattamento visivo nel passare dall’esterno all’interno optando sempre per una luminanza di media intensità.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI