Ricevere gli ospiti per il pranzo di Pasqua: le regole del bon ton

Guida Guida

Se hai deciso di ospitare, nel giorno di Pasqua, amici e parenti per un pranzo a casa tua, ti sarà utile ripassare alcune regole di galateo per affrontare al meglio la giornata di festa e non incappare in dubbi amletici sull’atteggiamento da tenere.

Se hai deciso di ospitare, nel giorno di Pasqua, amici e parenti per un pranzo a casa tua, ti sarà utile ripassare alcune regole di galateo e del bon ton a tavola per affrontare al meglio la giornata di festa e non incappare in dubbi amletici sull’atteggiamento da tenere.

Obiettivo principale sarà quello di far sentire a proprio agio tutti i tuoi ospiti, il che significa conoscerne in anticipo, gusti ed abitudini, idee politiche e religiose ed eventuali intolleranze alimentari.

Evita di affrontare argomenti politici e religiosi per non creare situazioni di disagio o imbarazzo e prepara un menu che possa rispecchiare le abitudini alimentari degli ospiti: se per esempio qualcuno è vegetariano o vegano abbi il garbo di non servigli costolette d’agnello!

Quando riceverai gli ospiti, preoccupati di presentare subito coloro che non si conoscono introducendo la persona più giovane a quella più anziana, gli uomini alle donne e non viceversa.

Apri subito, in presenza dell’ospite, il regalo che ti è appena stato fatto, ringraziando garbatamente per il pensiero:  se hai ricevuto un mazzo di fiori sistemali subito in un vaso e posizionali in una zona visibile, se ti hanno donato pasticcini o una colomba pasquale o delle uova di cioccolato preparali in modo da servirli a fine pasto, se hai ricevuto vini o liquori servili durante il pranzo.

Qualunque sia la forma del tavolo dove pranzerete, disponi i commensali in modo da garantire loro una buona libertà di movimento e abbi l’accortezza di non far sedere vicino persone che non vanno molto d’accordo.

Servi il cibo sempre da sinistra e dopo ogni portata, quando tutti gli ospiti hanno finito di mangiare, togli piatti e posate da destra. Servi acqua e vino da destra e porta le posate di ricambio su un vassoio con un tovagliolo piegato.

Minimizza eventuali disastri causati dagli ospiti come la rottura di un bicchiere o la classica macchia di vino rosso sulla tovaglia

Non dimenticare di rendere accoglienti anche gli altri locali di servizio come il bagno, disponendo asciugamani puliti, saponette nuove, carta da toilette e assicurati di nascondere tutti i prodotti di uso personale come creme, lozioni, spazzolini da denti e dentifricio.

© Brigitte Bonaposta - Fotolia.com

Ricorda che è il padrone di casa a dare inizio al pranzo: il segnale giusto è quello di togliere il tovagliolo dalla tavola e sistemarlo sulle ginocchia, non ci sarà quindi bisogno di pronunciare la frase “buon appetito” che è assolutamente sconsigliata.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI