Come posticipare la data del rogito

Guida Guida

Se si verificano degli imprevisti, quando si compra o vende casa, è possibile posticipare la data del rogito: vediamo come si deve procedere. 

Il rogito o atto notarile è quel documento che sancisce il passaggio di proprietà di un immobile tra venditore e compratore.

Con questo documento legale si entra in possesso della casa ma può capitare che durante le trattative per il passaggio definitivo di proprietà possono verificarsi alcuni imprevisti che potrebbero non far rispettare la data del rogito.

Il rogito deve contenere gli accordi presi in precedenza nel compromesso, ossia nell'atto preliminare di compravendita, che deve essere registrato regolarmente e deve includere il termine stabilito per il rogito.

Nel compromesso si può decidere di prevedere un termine perentorio entro cui redigere il rogito oppure un termine che prevede la possibilità di un posticipo.

Se si verificano degli imprevisti che rendono necessario far slittare la data del rogito, nel caso in cui è previsto un termine perentorio si deve sottoscrivere un nuovo compromesso e quindi effettuare una nuova registrazione.

Se invece nel compromesso era stata stabilita l’eventualità di un posticipo non è necessario fare una nuova registrazione.

Basterà inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno al soggetto interessato chiedendo l’adesione a una nuova data, indicata nella lettera. In pratica chi, in base alle proprie esigenze, necessita di un posticipo della stipula del rogito, deve inviare la raccomandata all’altra parte.

Ben altra cosa invece è il rogito differito, che è uno strumento messo a punto da istituti bancari e cooperative per agevolare l’accesso al credito per l’acquisto della casa.

Con il rogito differito si può comprare casa rinviando l’accensione del mutuo in un momento successivo, più propizio, quando cioè si sarà accumulata la somma necessaria.

Il rogito differito permette dunque anche a chi non dispone della somma iniziale necessaria per accedere a un mutuo, di affrontare la spesa dell’acquisto di un immobile.

Foto © fusolino - Fotolia.com

Rogito, chi lo redige

Secondo il Codice Civile il rogito deve essere redatto obbligatoriamente da un notaio e deve essere in forma scritta.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI