Come avviare l'attività di affittacamere

Guida Guida

Se sei proprietario di una struttura abitativa con più camere hai mai pensato di iniziare una piccola attività imprenditoriale divenendo affittacamere?

Se sei proprietario di una struttura abitativa con più camere hai mai pensato di iniziare una piccola attività imprenditoriale divenendo affittacamere?

Gli affittacamere possono essere considerate strutture recettive extralberghiere alla pari degli Ostelli per la Gioventù o i Bed & Breakfast e possono darti l’opportunità di nuovi guadagni.

È possibile svolgere questa attività sia a livello "professionale" che a livello "non professionale" a seconda se si risiede o meno nella casa adibita a tale attività: è affittacamere non professionale chi esercita l’attività nella casa di propria residenza e domicilio, mentre chi non vi risiede è da considerarsi affittacamere professionale.

Affinché una struttura possa essere considerata un esercizio di affittacamere deve comprendere non più di sei camere per clienti, con non più di 12 posti letto in totale, ubicate in non più di due appartamenti ammobiliati in uno stesso stabile.

Per avviare l'attività di affittacamere è necessario possedere i requisiti strutturali e igienico-sanitari previsti dal regolamento igienico edilizio del proprio Comune.

Le camere da letto devono essere completamente arredate e devono essere comodamente accessibili, senza dover attraversare altre camere garantendo così la privacy necessaria di ogni ospite. In ogni camera deve essere fornita energia elettrica, acqua calda e riscaldamento.

Deve esserci almeno un locale bagno, completo di tutti i sanitari, ogni otto persone. La pulizia delle camere ed il cambio di biancheria devono essere garantite ad ogni cambio di cliente e almeno una volta alla settimana.

Per iniziare l’attività basta presentare al Comune una denuncia di inizio di attività usando i moduli prestampati predisposti dal municipio stesso: spetterà poi al Comune rilasciare l’autorizzazione solo dopo aver verificato i requisiti igienico-sanitari a seguito di un sopralluogo.

Tra gli obblighi dell’affittacamere vi sono quello di esporre nell’appartamento, e nelle singole stanze, una tabella riepilogativa dei prezzi e comunicare, giornalmente all’autorità di pubblica sicurezza, l’arrivo degli ospiti.

foto © Paul Maguire - Fotolia.com

Locanda o affittacamere?

Se l’attività di affittacamere viene associata ad un esercizio di ristorazione svolta dallo stesso titolare, nello stesso immobile, l’esercizio può assumere la denominazione di ”locanda”.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI