Come conservare le scorte alimentari in cantina

Guida Guida

Suggerimenti utili su come conservare al meglio le scorte alimentari in cantina. 

La funzione principale della cantina, spesso usata come stanza di riserva dove posizionare materiale vecchio e ingombrante, è sempre stata quella di conservare vini e scorte alimentari per via della temperatura fresca che la contraddistingue.

Ma qual è il modo migliore di conservare il cibo senza che venga contaminato da muffe e insetti?

E’ essenziale che la temperatura in una cantina sia costantemente fresca ma non troppo fredda, l’ideale sarebbe mantenerla tra i 12 e i 16 °C, e che l’ambiente sia ben arieggiato, con una luce molto bassa e asciutto in modo da non far proliferare, tramite l’umidità, possibili muffe.
Gli alimenti vanno conservati nelle confezioni originarie o, se ne sono sprovvisti, vanno inseriti in appositi contenitori igienici per poi essere posizionati, seguendo un ordine e una logica ben precisa, su scaffali o mensole: in questo modo il cibo rimane sollevato da terra, lontano da possibili contaminazioni d’acqua e protetto da animali vari (tarli, topi, insetti).
Nella dispensa della cantina potrai radunare scorte di acqua minerale, bibite, vini, liquori, alimenti in scatola, alimenti in confezioni non deperibile, alimenti in barattoli, conserve, olio, aceto ma anche pacchi di pasta, riso, farina, zucchero, sale e via dicendo.
Può essere utile, se si ha spazio a sufficienza in cantina, prevedere l’installazione di un congelatore per conservare grosse scorte di carne o buste di surgelati e che può essere d’aiuto qualora si abbia in cucina un freezer troppo piccolo.
 

photo pantry via photopin.com

Rispetta le scadenze

Fai sempre molta attenzione alla data di scadenza degli alimenti e controlla di frequenza lo stato di conservazione delle tue scorte alimentari.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI