Come coltivare la pratolina

Guida Guida

Oggi si parla della Pratolina, uno dei fiori più noti ed amati in assoluto. Ecco qualche consiglio per la coltivazione  

Pratolina: esistono ci sono 15 specie diverse di questo fiore, ma il più comune, quello che tutto conoscono è il Bellis Perennis, pianta biennale con fiori bianchi o rosa. Questa pianta ha una fioritura che va da marzo fino a dicembre solitamente, ma il regime di clima mite, può durare anche per l'inverno.

Pratolina, un fiore per tutte le occasioni

Il terreno in cui vanno coltivate le pratoline, deve essere fertile. E' necessario trapiantare le piantine in primavera e metterle a terra con una distanza di circa venti centimetri l'una dall'altra. E' possibile, inoltre, mantenerle per il periodo invernale in luoghi riparati ad 8-10 gradi, così da farle sopravvivere in vista della primavera.

Il pieno sole è il luogo ideale dove coltivare questi fiori, anche se hanno una buona resistenza alla mezz'ombra, quindi non vi sono grossi problemi di adattamento.

Stessa cosa per le temperature: essendo piante molto resistenti, anche quelle basse sono ben sopportate (ma senza esagerare).

Il substrato della terra deve essere sempre leggermente umido ma la vera e propria irrigazione è necessaria solo nei giorni più caldi e secchi, o particolarmente ventosi.

La forza della pianta si dimostra anche dalla difficoltà con cui vengono attaccate da parassiti e malattie: a volte, posso mostrare macchie fogliari o marciumi radicali, ma con appositi anticrittogramici, il pericolo è facilmente aggirabile.

Ricordate di non comprare piante con problemi, al momento dell'acquisto la conservazione deve essere perfetta.

Un mazzo di fiori

Prepara un mazzolino di pratoline da regalare alla tua compagna o alla mamma, avrai di certo successo!
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI