Come coltivare il digitalis

Guida Guida

Nome particolare per questa guida alla coltivazione: ecco a voi il digitalis!  

Se cercate grandi infiorescenze di colore rosa o bianco (ma anche giallo o arancio), che sbocciano d'estate e con un'altezza che può arrivare fino a 150 centimetri, il digitalis è ciò che fa per voi. Oltre 30 specie per questi ditali multicolore, bellissimi come ornamento del vostro giardino. Ecco come coltivare il digitalis.

Queste piante sono ideali per le bordure e vanno piantate in vaso (da sostituire ogni anno), o in piena terra, che deve essere fertile, fresco e misto a torba per una coltivazione ideale. 30 centimetri almeno (ma fino a 60 per le specie più grandi) è la distanza con cui vanno messe a dimora le piante, preferibilmente in autunno o primavera, dipende dal clima della vostra zona.

La coltivazione in vaso va fatta con terriccio fertile, torba e sabbia, più o meno in parti uguali.

Durante i mesi più caldi, l'irrigazione è molto importante, infatti il terreno deve essere sempre umido: siate regolari, e, soprattutto, nel periodo di sviluppo della pianta, aggiungete ogni due settimane, del concime complesso all'acqua.

Il pieno sole non è la zona migliore dove coltivare il digitalis: ombra o mezz'ombra sono decisamente più funzionali ad una crescita corretta. Stesso discorso per le temperature: nessun problema per quelle basse (anche molto basse), quelle troppo alte invece (mai sopra i 30 gradi) possono creare problemi.

Ricordate di eliminare fiori e foglie appassite, oltre a quelle macchiate causa funghi (curatele con prodotti a base di rame). Se le foglie si arricciano, la pianta potrebbe essere stata colpita da marciumi radicali, in questo caso non c'è nulla da fare.

Buon lavoro!
 

La più diffusa

La specie più diffusa è la digitalis purpurea, scegliete questa.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI