Come installare un impianto di annaffiatura

Guida Guida

Se hai un giardino di grandi dimensioni è opportuno installare un impianto di annaffiatura, per risparmiare tempo e fatica. Ecco come fare.

Se hai la fortuna di avere un giardino dalle dimensioni considerevoli, ti risulterà abbastanza faticoso e impegnativo annaffiarlo con un semplice tubo flessibile: installare invece un impianto di annaffiatura potrà essere la soluzione migliore per risparmiare tempo e fatiche.

Con un sistema di tubazioni interrate potrai annaffiare con regolarità ogni punto del prato e raggiungere anche le piante posizionate in zone più difficilmente accessibili.

Puoi scegliere tra un impianto di superficie, dotato di elementi riposizionabili, oppure un impianto sotterraneo di tubi in polietilene elastico, di solito il più utilizzato perché meno invadente dal punto di vista estetico.

Per chiarirti le idee, ti converrà stendere un progetto dell’impianto su cui indicare le zone che intendi annaffiare e su cui segnare la posizione degli irrigatori, poi traccia il percorso dell’impianto aiutandoti con alcuni picchetti e delle corde.

Inizia quindi a scavare una fossa profonda almeno 30 cm in cui inserirai i tubi: cerca di danneggiare il meno possibile le zolle di erba. Deponile su un telone di plastica in modo da poterle riutilizzare a operazione conclusa, quando ricoprirai lo scavo.

I tubi da interrare devono essere in polietilene flessibili, resistenti al gelo e con un diametro di circa 20 mm.

Segui le istruzioni del kit che hai acquistato per creare le deviazioni e montare i raccordi: ricorda di montare i raccordi anche per gli irrigatori all’estremità delle condutture in modo da farli affiorare appena dal suolo. Nei punti dove collocherai gli irrigatori fai uno scavo più profondo di almeno 10 cm per poter depositare della ghiaia che consente di migliorare il drenaggio dell’acqua. Controlla che gli irrigatori non sporgano troppo oltre il livello del terreno altrimenti, in fase di potatura dell’erba, rischierai di danneggiarli con il tosaerba.

Già che ci sei puoi anche interrare alcune prese d’acqua in un paio di punti del giardino: potrebbero tornarti utili qualora decidessi di collegare un tubo per annaffiatura.

Una volta collocate nello scavo tutte le condutture, ricopri di terra, sovrapponi le zolle di erba sollevate in precedenza e collega l’impianto al rubinetto mediante un tubo flessibile e un apposito raccordo dello stesso diametro del rubinetto.

Puoi eventualmente inserire un programmatore tra il rubinetto e le tubazioni in modo da decidere la quantità di acqua erogata e il tempo di annaffiatura: ti sarà utile soprattutto durante le tue ferie se non puoi contare su amici o parenti per curare il tuo giardino.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI