Fai da te: come sostituire una presa elettrica

Guida Guida

Fai da te
Valerio Poggi

Le prese di corrente possono subire diversi danni con il passare del tempo e con il continuo utilizzo. Scopriamo le cause del guasto e i passaggi per ripararlo!

Il danno più frequente alle prese di corrente è provocato dal riscaldamento causato dal passaggio di corrente elettrica soprattutto in quelle prese che alimentano elettrodomestici ad alto assorbimento. Inoltre possono aversi delle bruciature lungo il corpo degli alveoli dei frutti dovuti alle micro-scintille che si provocano quando si inserisce la spina.

In altri casi avviene che un cavo sia fuoriuscito dal frutto della presa, che non dà più tensione. La presa può non dare più tensione oppure funzionare ancora ma essere visibilmente danneggiata. E’ necessario accedere al suo interno per verificare quale sia il tipo di danno su cui intervenire.

Come si sostituisce una presa elettrica?

Asportare prima la mascherina
quindi la placca

Dopo aver tolto tensione all’impianto elettrico facendo scattare l’interruttore generale, con il cacciavite si solleva e si asporta la mascherina della presa, che è inserita a scatto. Poi si allentano le due viti laterali che bloccano la placca portafrutti e si estrae quest’ultima dalla sede.
Con la placca estratta si esamina la situazione. Nella placca sono inseriti uno o più “frutti” (cioè le prese vere e proprie) cui sono collegati i cavi dell’impianto.

I frutti vanno esaminati: se appaiono bruciacchiati vanno sempre sostituiti. I loro alveoli (dove si inserisce la spina) possono
essere deformati. Anche in questo caso vanno sostituiti. Se la presa non forniva corrente, ma i frutti appaiono “sani”, potrebbe essersi semplicemente staccato un cavo dal frutto.

 Ricollegare un cavo staccato e togliere il frutto eventualmente danneggiato

Se c’è un cavo staccato bisogna reinserirlo nell’apposito morsetto del frutto ( ci sono tre cavi e tre morsetti nel frutto) dopo aver controllato l’integrità della trecciola di rame. Il morsetto va allentato svitando la vitina e, dopo aver reinserito il cavo, si stringe bene la vite.
Se, invece, è il frutto ad essere danneggiato, va sostituito. Inizialmente lo si libera dai cavi allentando le viti dei tre morsetti. Il frutto si asporta dalla placca spingendolo verso l’esterno mentre si tengono sollevate le due piccole mollette che lo bloccano alla placca.

 

 Inserire il nuovo frutto e collegarlo, riposizionare la placca

Al posto del frutto asportato bisogna metterne uno nuovo, inserendolo nella sede dall’esterno e spingendolo nella sede della placca fino a far scattare le due mollette
di bloccaggio. Ora bisogna collegare i cavi al nuovo frutto. Sul retro di questo vi sono tre morsetti cui vanno inseriti i cavi: il cavo giallo-verde (quello “di terra”) che è
presente nella terna di cavi che pervengono alla presa, va sempre collegato al morsetto centrale, mentre gli altri due si inseriscono nei rimanenti morsetti. Se un cavo
appare danneggiato se ne taglia la parte terminale
(max 1 cm) e la si spela con lo spelafili mettendo a nudo la trecciola di rame che va un poco attorcigliata, prima di
rifare il collegamento al morsetto del frutto. Infine si stringono bene le viti dei morsetti.  
A questo punto si può ricollocare la placca nella scatoletta murata e riavvitare le due viti laterali che la bloccano saldamente.

Ricollocare la mascherina

L’ultima operazione consiste nel riapplicare la mascherina a scatto, posizionandola sulla placca e spingendo verso di essa. Ora è possibile reimmettere tensione nell’impianto, agendo sull’interruttore generale, nel quadretto elettrico dell’impianto, per verificare il corretto funzionamento della presa. Se la presa non dà corrente conviene interpellare un tecnico perché il problema può essere di diversa natura.

Aggiungere eventuali frutti

Se la presa, come nel caso esaminato, presenta posti liberi chiusi da appositi coperchietti si possono aggiungere altri frutti-presa che vanno inseriti al posto dei coperchietti e collegati a quello già alimentato dall’impianto elettrico, con corti cavallotti di cavo.

Credit foto apertura: © rodimovpavel - Fotolia.com

Credit foto nel testo: faidatebook

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI