• Bianca Balti: la video-storia
    2588
    8rmiqj
    Bianca Balti: la video-storia
    hobby-e-tempo-libero

    Segni particolari: bellissima. Bianca Balti è una delle top model più ricercate all'estero, non solo per la sua bellezza, ma anche per il suo naturale carisma. Ripercorriamo le tappe principali della sua sfavillante carriera.

  • Angelina Jolie: la video-storia
    2580
    egptpb
    Angelina Jolie: la video-storia
    hobby-e-tempo-libero

    Dal passato oscuro, quando la chiamavano "Angie la pazza", al presente di attrice seria e impegnata. Ritratto di Angelina Jolie, una delle donne più potenti di Hollywood. 

  • Chiara Ferragni: la video-storia
    2476
    uql8i9
    Chiara Ferragni: la video-storia
    hobby-e-tempo-libero

    Da Cremona a Los Angeles. Dai 10 euro per acquistare il dominio del blog "The Blonde Salad" ai 20 milioni di fatturato. Ecco come è nato il "fenomeno Chiara Ferragni". 


  • Apri TV

titolo

  • Bianca Balti: la video-storia
    2588
    8rmiqj
    Bianca Balti: la video-storia
    hobby-e-tempo-libero

    Segni particolari: bellissima. Bianca Balti è una delle top model più ricercate all'estero, non solo per la sua bellezza, ma anche per il suo naturale carisma. Ripercorriamo le tappe principali della sua sfavillante carriera.

  • Angelina Jolie: la video-storia
    2580
    egptpb
    Angelina Jolie: la video-storia
    hobby-e-tempo-libero

    Dal passato oscuro, quando la chiamavano "Angie la pazza", al presente di attrice seria e impegnata. Ritratto di Angelina Jolie, una delle donne più potenti di Hollywood. 

  • Chiara Ferragni: la video-storia
    2476
    uql8i9
    Chiara Ferragni: la video-storia
    hobby-e-tempo-libero

    Da Cremona a Los Angeles. Dai 10 euro per acquistare il dominio del blog "The Blonde Salad" ai 20 milioni di fatturato. Ecco come è nato il "fenomeno Chiara Ferragni". 

Jessica Polsky
Jessica Polsky

Lost in translation: un'americana in Italia

America e Italia: nostalgia canaglia

Ci sono cose dell'Italia che lasciano proprio il segno. Anche per chi, come Jessica, ama il suo paese natale, l'Italia resta sempre un luogo in cui tornare e di cui si sente la mancanza quando si è lontani!

Spesso la gente mi chiede cosa mi manca dell'Italia quando sono negli USA.

La prima cosa che mi viene in mente sono le piazze perché le nostre città sono nuove, progettate e realizzate per condurre le persone da un punto A a punto B, in macchina.
Spazi di ritrovo pubblici per incontrarsi, interagire con il prossimo, giocare, sedersi ad osservare la vita che passa, non ce li abbiamo: se non i parchi, ma non è la stessa cosa. Le piazze, per me, sono dei piccoli villaggi a sé, come dei meravigliosi palcoscenici.

Non so più quante ore avrò passato seduta nelle piazze, felice di essere in quel piccolo, spazio, così circoscritto e a misura d’uomo

Mi manca che, anche se io sono ossessivamente e per natura sempre in anticipo, potrei avere fino a 15 minuti di tollerato ritardo! A New York, è considerato quasi ritardo l’essere 15 minuti in anticipo.

Mi manca che, quando purtroppo succede qualche disgrazia, tutto il paese sa persino i nomi dei diretti interessati, ed almeno per un attimo c'e' un pensiero corale indirizzato a loro.
In una nazione come gli USA, che conta circa 320 millioni di abitanti, le tragedie, ahimè, ogni giorno sono molte di più e di conseguenza non sempre è possibile dare nome e un volto umano a tutte. Mi manca che i bambini siano i benvenuti ovunque, e che siano visti come una naturale estensione dei genitori, non come un fastidio da tollerare in pubblico.

Mi manca la cura, premura e un certo senso di importanza attribuito a chi ti fa da mangiare che si trova più facilmente qui, persino al bar o in gelateria.
A noi manca tutta la cultura del cibo, e del rito del nutrirsi, quindi anche a chi ti prepara o serve il cibo manca l'orgoglio di un gesto compiuto meccanicamente.

Mi manca il costante ronzio dei motorini, che in qualche modo mi rassicura: significa che c'e' sempre vita fuori e gente vicina.

La lista è lunga, veramente lunga ... chissà come farò mai a mettere in pace queste due mie identità, ormai consolidate!
A volte mi sento come i figli di due genitori di differenti nazionalità: l’italiana che c’è in me è sempre meno felice quando mi trovo in US, e viceversa!

Foto Credit Jessica Polsky © Vittorio Januzzi



SEGUICI