• Ricette vegane: brownie vegano
    1932
    Ricette vegane: brownie vegano
    cucina-e-ricette

    Come preparare un goloso dolce al cioccolato con ingredienti vegani? Ecco la ricetta dei brownies alle noci, velocissimi da preparare dall'impasto al forno!

  • Ricette vegane: carbonara all'avocado
    1933
    Ricette vegane: carbonara all'avocado
    cucina-e-ricette

    Gustosa e originale la carbonara vegan stupisce tutti i palati! Un piatto light ideale anche per chi non ha scelto la cucina senza derivati animali

  • Ricette vegane: polpette di seitan al sugo
    1937
    Ricette vegane: polpette di seitan al sugo
    cucina-e-ricette

    Polpette di seitan al sugo: una ricetta vegan gustosa e nutriente grazie alle proprietà del seitan e dei legumi. Un piatto perfetto per tutta la famiglia.


  • Apri TV

titolo

  • Ricette vegane: brownie vegano
    1932
    Ricette vegane: brownie vegano
    cucina-e-ricette

    Come preparare un goloso dolce al cioccolato con ingredienti vegani? Ecco la ricetta dei brownies alle noci, velocissimi da preparare dall'impasto al forno!

  • Ricette vegane: carbonara all'avocado
    1933
    Ricette vegane: carbonara all'avocado
    cucina-e-ricette

    Gustosa e originale la carbonara vegan stupisce tutti i palati! Un piatto light ideale anche per chi non ha scelto la cucina senza derivati animali

  • Ricette vegane: polpette di seitan al sugo
    1937
    Ricette vegane: polpette di seitan al sugo
    cucina-e-ricette

    Polpette di seitan al sugo: una ricetta vegan gustosa e nutriente grazie alle proprietà del seitan e dei legumi. Un piatto perfetto per tutta la famiglia.

Marco Maccarini
Marco Maccarini

Universo Femminile: istruzioni per l'uso

Se mi dici guardami non ti contraddire!

Come reagisce un uomo davanti all'esibizione delle forme femminili? Lettura maschile del codice estetico delle donne, con un pizzico di ironia

Mi sono sempre chiesto cosa una donna bella e provocante volesse dirmi con l’esibizione delle sue grazie
Al passaggio di una bella ragazza che sta mettendo in mostra le sue forme… dopo il primo momento di offuscamento dei sensi…quando la testa si gira come il più anarchico dei muscoli involontari e, ai più audaci (o sfrontati), maschi italici scappa pure il fischio d’apprezzamento…ecco dopo quel momento lì, cosa devo pensare?

Quali sono i limiti di “scopertura” oltre i quali un uomo si sente in diritto di invadere ed attaccare la riservatezza di una donna? Se fossimo in un paese del nord Europa direi nessuno, ma siamo in Italia, e qui bisogna ancora fare i conti col retaggio culturale di stampo patriarcale, maschilista e ancora troppo spesso legato al dogma religioso.
Definirò ora brevemente il mio concetto di donna provocante (perché sul bello, si sa, non si può essere un granché arbitrari): trattasi di quella femmina che indossa un abito succinto (sopra, sotto o, in casi estremamente interessanti, entrambi) che ancheggia magari o si mette in pose ambigue con il suo abbigliamento ammiccante; che casualmente strizza i seni procaci a braccia conserte mentre vi parla (con innocenza?) di un piano di lavoro per la successiva settimana. Ecco…questa per me è una provocazione abbastanza evidente, non trovate?

Ovviamente il primo pensiero di un uomo (sappiatelo) non è filtrato dalla ragione…ma poi, nel momento immediatamente successivo, l’uomo ci legge un messaggio, e quel messaggio per lui (a buon diritto) è che voi gli stiate mandando un segnale, capito belle ragazze provocanti dall’aria innocente?

Perché certo che ci piace guardare o immaginare, ma se esponete la vostra “esuberanza” fisica non lamentatevi poi degli sguardi prolungati o dei (a volte ce li leggerete in faccia) pensieri impuri.
Se siete state in un negozio e avete scelto proprio quell’abitino o quella camicetta è perché vi piace essere guardate. Punto. Poi certo proverete a inventare scuse del tipo "è per stare più fresca" oppure "ho lo sterno sensibile e devo tenerlo areato” ma, sappiatelo, non vi crederemo!

Se vi va di farvi vedere siete liberissime di farlo. Anzi, noi maschi ve ne siamo infinitamente grati: siete una gioia per gli occhi.
Ma poi, ricordatevi che, come in tutto, ci vuole coerenza! E in questo caso anche simpatia, ironia, coraggio e sincerità.
Del resto si parla sempre di parità…ma sarebbe più intelligente parlare di reciproca comprensione, non trovate?



SEGUICI