Come allevare uno scoiattolo volante: le basi

Guida Guida

Dolce e affettuoso, lo scoiattolo volante è un piccolo marsupiale che, di recente, ha conquistato il cuore di molte persone che decidono di sceglierlo come animale domestico.

Piccolo mammifero marsupiale, il petauro dello zucchero anche conosciuto come scoiattolo volante, è un animale notturno originario dell’Oceania.

Molto comune in Australia, Tasmania e Nuova Guinea, il petauro dello zucchero negli ultimi anni è diventato anche un insolito animale da compagnia perché simpatico e affettuoso.

Scoiattolo volante: perchè si chiama così
Il suo nome scientifico è Petaurus Breviceps e viene detto “dello zucchero” perché ama nutrirsi di frutta molto dolce e ad alto contenuto zuccherino. Il soprannome di “scoiattolo volante” deriva dal fatto che nell’aspetto è simile ad uno scoiattolo dotato di una membrana, il patagio, che si estende dalle zampe anteriori a quelle posteriori e che gli consente di effettuare lunghe planate anche di 50 metri.

Scoiattolo volante: animale sociale e notturno
Essendo un animale sociale che in natura vive in piccoli gruppi, il petauro non tollera la solitudine e quindi è consigliabile non acquistare mai solo un singolo esemplare ma almeno una coppia.
Siccome poi è un animale notturno non bisogna costringerlo a uscire quando c'è ancora la luce del sole perché i suoi occhi sono molto delicati.

Scoiattolo volante: l’alimentazione
Per crescere robusto e sano, il petauro dello zucchero va alimentato con una dieta equilibrata composta per il 25% da cibi di origine animale e per il resto da frutta e verdura: insalata, zucchine, cetrioli, mele, pere, banane, carote, pesche, albicocche, uva, mango e papaia costituiscono la base della sua alimentazione.

In natura li petauro si nutre di piccoli insetti come locuste, grilli, camole, larve o lombrichi: questo genere di alimenti di può comprare nei negozi per animali o online.

Vanno evitate la frutta secca, conservata o essiccata, e le miscele di semi: ricordiamo che il petauro non è un roditore ma un marsupiale.

Scoiattolo volante: la giusta gabbia
Lo scoiattolo volante va sempre tenuto d’occhio: non bisogna liberarlo senza prendere le dovute precauzioni perché per istinto tenderebbe a fuggire da una finestra lasciata accidentalmente aperta.

Neppure va liberato in presenza di altri animali domestici come cani, gatti e conigli che potrebbero inconsapevolmente ferirlo.

Il modo migliore per allevarlo è tenerlo in una gabbia molto grande e soprattutto molto alta perché il petauro tende a costituire il suo rifugio nella parte superiore, non a caso si tratta di un animale che vive prevalentemente sugli alberi.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI