Prevenzione fai da te: come spazzolare il cane per evitare i parassiti

Guida Guida

Spazzolare il pelo del proprio amico a quattro zampe è un momento importante non solo perché viene rinsaldato il legame con lui ma anche perché si può rilevare la presenza di eventuali parassiti.

Spazzolare di frequente il proprio cane non è solo un’attività consigliata per la bellezza del suo mantello ma anche e soprattutto per la sua salute infatti, ispezionando il suo pelo si possono riscontrare eventuali graffi, lesioni oppure la presenza di parassiti come pulci e zecche.

Spazzolando il proprio cane si crea un contatto fisico che fa migliorare il rapporto che si ha con lui, inoltre si previene la formazione di antiestetici nodi che rappresentano un invito per le pulci

E’ consigliabile spazzolare il cane una o due volte la settimana ed è importante abituarlo a questa operazione di igiene fin da cucciolo: una spazzolatura costante del pelo aiuta a ripulire il mantello non solo da eventuali parassiti ma anche da polvere e sporcizia, inoltre la spazzolatura favorisce la circolazione della cute e l’ossigenazione delle cellule superficiali, rafforzando il sistema immunitario dell'animale.

Per spazzolare il cane ci sono diversi attrezzi di vario tipo: dalle spazzole al cardatore, dal pettine ai guanti. Per quanto riguarda le spazzole occorre specificare che sul mercato sono presenti spazzole adatte a tutti i tipi di cani: si possono trovare quelle a setole lunghe per cani a pelo lungo e quelle a setole corte e fitte per i cani a pelo corto.

Ci sono poi anche tipologie di spazzole usate dai professionisti della toelettatura come le spazzole elettriche, le spazzole con aspiratore, quelle autopulenti e quelle agli ioni o ionizzante. Le spazzole a setole sono l’ideale per qualsiasi tipo di pelo: si consiglia di usarle in modo che le setole vadano a toccare la pelle senza graffiarla, altrimenti si rischia di provocare l’insorgenza di irritazioni cutanee.

La spazzolatura va fatta delicatamente perché non deve risultare traumatica per il cane che dovrebbe invece rilassarsi mentre viene spazzolato: si procede seguendo il senso di crescita del pelo, partendo dalla testa e proseguendo fino alla coda. Occorre prestare molta attenzione soprattutto alla presenza di nodi perché tirandoli si può fare molto male al cane.

Se si ha un cane particolarmente predisposto alla formazione di nodi, si può ricorrere al cardatore, un tipo di spazzola molto indicata per lisciare il pelo lungo oppure alla spazzola taglia nodi, un particolare attrezzo che elimina i nodi senza provocare dolore al cane.

Per rimuovere i peli morti è consigliato l’uso del rastrello per sottopelo che risulta molto utile anche per rimuovere i parassiti che vi si possano attaccare: questo strumento è anche conosciuto come pettine antipulci.

Uno dei migliori pettini antipulci è quello fornito da Inodorina Grooming, il brand di Pet Village che offre una vasta gamma di soluzioni per il pet care e la casa. Grazie alla trama fittissima questo pettine permette di liberare il cane dalle pulci e da tutti i piccoli insetti che si annidano nel suo mantello.

Inodorina Grooming fornisce poi tutta una vasta gamma di altri attrezzi per la spazzolatura del cane, come ad esempio il guanto da tolettatura, cioè un guanto morbido di facile uso che rimuove il pelo morto dal manto del pet effettuando al tempo stesso un benefico massaggio, e anche le spazzole in gomma adatta per tutti i tipi di pelo e che, se usata regolarmente, aiuta a spazzolare, massaggiare e coccolare il cane.

Dunque è evidente come l’operazione di spazzolatura sia assolutamente fondamentale per tenere lontani i parassiti dal proprio amico a quattro zampe, ciò non toglie tuttavia che sia sempre importante effettuare periodicamente una corretta profilassi antiparassitaria.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI