Come sfruttare il timo in cucina e non solo

Guida Guida

Un'altra preziosa erba aromatica: il timo. Profumato e decorativo il timo possiede anche molte qualità benefiche.

Il timo è una pianta aromatica, che appartiene alla stessa famiglia dell'origano e della maggiorana. Il suo utilizzo risale all'antichità sia per le proprietà aromatiche che per le proprietà terapeutiche.

Gli egiziani utilizzavano l'olio essenziale di timo tra gli ingredienti per imbalsamare i defunti, i romani per conservare i cibi

  • Il timo è una pianta perenne che cresce sia spontaneamente, sia coltivata. Le specie più conosciute e utilizzate sono il timo vulgaris e il timo limonato (o cedrato), particolarmente indicato per i piatti a base di pesce e le salse.

Componenti: 

Sali minerali, vitamine,  proteine, aminoacidi, olio essenziale, timolo,  fenoli, carvacloro.

In cucina:

Le foglie e i fiori di timo si utilizzano in genere essiccati per aromatizzare e insaporire, mentre si usano freschi per decorare i piatti. In particolare per

  • carni e pesce
  • formaggi
  • salse e sughi
  • pane
  • pizze e torte salate
  • uova e frittate
  • condimenti e olii aromatizzati
  • tisane e infusi

Altri utilizzi:

Grazie ai suoi olii essenziali e alle proprietà che contiene sia nei fiori che nelle foglie, il timo viene utilizzato in erboristeria e in profumeria, anche per uso terapeutico in particolare per:

  • le proprietà antibatteriche e antisettiche
  • le proprietà espettoranti
  • le proprietà digestive
  • le proprietà purificanti
  • le proprietà antiossidanti
  • le proprietà deodoranti

A seconda del disturbo, si utilizza l'infuso o l'olio essenziale. Va sottolineato che l'olio essenziale può avere seri effetti collaterali e indesiderati, occorre quindi utilizzarlo in dosi minime e sempre sotto il controllo di un medico e/o omeopata esperto.

  • Il timo è sconsigliato alle donne in gravidanza e ai bambini al di sotto dei 12 anni

Come coltivarlo e conservarlo:

Il timo si coltiva facilmente in vaso. Ama le zone soleggiate e ventilate. Fiorisce producendo dei piccoli fiorellini bianchi. Occorre raccogliere i rami fioriti per sfruttarne le proprietà quando ancora i fiori sono freschi.

Le foglie si utilizzano normalmente dopo averle essiccate. Per conservarlo:

  • Si cimano alcuni rametti, si legano insieme alla base con un filo di cotone e si appendono in un luogo fresco e al buio a testa in giù.
  • Una volta seccate le foglie si tritano e si possono conservare in un barattolo di vetro, chiuso, per circa un anno.

Il timo è un ottimo rimedio naturale contro il mal di gola e la tosse. Guarda come preparare l'infuso

Prezioso Timo

Come rimedio per lucidare e fortificare i capelli, si può aggiungere qualche goccia di olio essenziale di timo allo shampoo.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Cucina e ricette
SEGUICI