Sciatt: la ricetta della Valtellina

Guida Guida

Frittelle salate tipiche della cucina povera Valtellinese, gli sciatt sono una ricetta che sa conquistare anche i palati più raffinati. Ecco come prepararli.

  • DifficoltàDifficoltà: media
  • CostoCosto: basso
  • CategoriaCategoria: Antipasti
  • CucinaCucina: Italiana
  • PorzioniPorzioni: 8
  • CotturaCottura: Tradizionale
  • Tempo totaleTempo totale: da 60 a 120 min
  • Vegetarianovegetariana

 Croccanti, dorati e con un cuore filante, gli sciatt sono, insieme ai pizzoccheri, una delle preparazioni più conosciute della Valtellina.

Il termine deriva dal dialetto valtellinese e significa letteralmente "rospo", un riferimento forse alla forma gonfia e tondeggiante di queste gustose frittelline salate e alla loro superficie ruvida e irregolare.

Gli ingredienti che rendono così unica questa ricetta sono due: il formaggio Casera e la farina di grano saraceno.

Il Casera è un formaggio vaccino DOP a pasta semidura tipico della provincia di Sondrio dal sapore ricco e intenso che si sposa particolarmente bene con la farina di grano saraceno e il suo gusto intenso.

Per gustare gli sciatt direttamente a casa vostra, ecco la ricetta step-by-step.

 

Ingredienti:
  • 350 g di farina bianca
  • 350 g di farina scura di grano saraceno
  • 1 bicchierino di grappa
  • 250 g di formaggio Casera tagliato a dadini
  • sale
  • abbondante olio per friggere

Procedimento

  • Setacciate assieme le due farine sulla spianatoia, unite il sale
  • Mescolate aggiungendo acqua quanto basta per ottenere una pasta soffice ed elastica. Solo verso la fine, aggiungete la grappa e fatela assorbire
  • Avvolgete la pasta a forma di palla in un telo e lasciatela riposare per circa un'ora
  • Ponete sul fuoco la padella dei fritti e fatevi scaldare l'olio
  • Quando l'olio sta per giungere a bollore, senza aspettare che emetta fumo, versate gli sciatt così composti: un cucchiaio di pasta con inserito in mezzo un dadino di Casera
  • Friggete gli sciatt un po' alla volta, appena vengono a galla, ben dorati, toglieteli col mestolo forato, adagiateli su un piatto ricoperto di carta assorbente da cucina in modo da eliminare l'unto in eccesso e serviteli molto caldi in tavola

>>>> LEGGI ANCHE:
Come preparare i pizzoccheri valtellinesi
Come fare i fagottini di grano saraceno alle erbe

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Cucina e ricette
SEGUICI