Scegliere il vino giusto: gli antipasti

Video Video
Scegliere il vino giusto: gli antipasti. Impara ad scegliere il vino giusto e ad abbinarlo ad antipasti, aperitivi e snack. Segui i videoconsigli della nostra sommelière Cosa bere con l'antipasto? Quale aperitivo scegliere con gli stuzzichini? Ecco le risposte della sommelière per non sbagliare l'abbinamento di vino.

A domanda... risposta

Quali sono i criteri generali da seguire negli abbinamenti con gli antipasti?

È molto importante sapere abbinare il vino alle diverse pietanze a partire già dagli antipasti. Una regola di base è servire il vino secondo un criterio crescente di corpo e di alcolicità.

Entriamo nello specifico: se si servono degli stuzzichini come antipasto?
In questo caso si consiglia un vino bianco fresco o uno spumante; per esempio, consigliabili sono un Prosecco Moden, o uno Spumante metodo classico, oppure un vino più fermo come il Gavi. Se la cena procede con dei vini rossi impegnativi, con gli stuzzichini si può servire un rosato.

Quali vini sono consigliati per accompagnare un antipasto di mare?
Bisogna pensare al tipo di sapore dell'antipasto. Per esempio, un'insalata di mare tende al dolce, all'aromatico e rilevante, per il gusto, è anche l'untuosità dell'olio; in questo caso, è bene prediligere un vino bianco di discreta struttura, magari frizzante come il Pignoletto, ma anche dei vini più fermi come il Vermentino.
Se, invece, l'antipasto è costituito da un cocktail di scampi, bisogna tener conto che il sapore dolce dei crostacei viene arricchito dalla salsa rosa che accentua l'aromaticità del piatto. Il vino bianco va scelto fra quelli sapidi, freschi, morbidi. Vanno bene anche uno spumante bianco o rosè con una certa struttura.

Quali sono gli abbinamenti migliori con agli antipasti di terra?
Nella classica caprese, la tendenza dolce e acida del pomodoro, la sapidità e grassezza della mozzarella e l'aromaticità del basilico portano alla scelta di un vino bianco giovane e fresco, fragrante sfumato in note più fruttate, floreali o vegetali, delicatamente morbido. Per esempio il Vermentino...

E con un classico antipasto all'italiana?
Se si porta in tavola il tipico tagliere di affettati misti all'italiana, si dovrà considerare la ricchezza di grassi unita alla sapidità, aromaticità e speziatura. Per questo motivo è consigliabile un vino rosso giovane e fresco, vivace e senza una grande struttura, in grado di "pulire la bocca". In questi casi è perfetto il Lambrusco.

PER SAPERNE DI PIÙ
  • Se come aperitivo vuoi servire delle bruschette classiche, tieni conto dei seguenti sapori: la dolcezza del pane, l'aromaticità dell'aglio e del pomodoro e l'untuosità dell'olio. Per questi motivi, un buon vino bianco giovane e fresco rappresenta la scelta giusta, per esempio un Sauvignon o, ancora, un Vermentino.
  • Il Vermentino è un vino sardo che si distingue nelle due denominazioni Vermentino di Gallura (dalla zona in cui viene coltivato, fra Sassari e Nuoro) e Vermentino di Sardegna.
    Il primo ha un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, un odore inteso ma delicato e un sapore morbido, con un retrogusto leggermente amarognolo.
    Il Vermentino di Sardegna, invece, varia dal bianco carta al giallo paglierino, ha un profumo caratteristico e un sapore sapido, fresco, acidulo, leggero, con un retrofusto amarognolo.
  • Il Gavi è un vino piemontese, prodotto nella provincia di Alessandria. Può essere "tranquillo" opure "frizzante" o ancora "spumante". È un vino armonico, dal gusto fresco e asciutto, fresco e pieno.
  • Il Pignoletto e il Lambrusco sono due vini dell'Emilia Romagna. Il Pignoletto frizzante è di grande carattere, con un retrogusto amarognolo. Il Lambrusco è un vino di vasta produzione, le cui caratteristiche cambiano da zona a zona e dal vitigno utilizzato.
  • Se vuoi saperne di più sui vini, puoi leggere Il libro completo del vino di Giuseppe Sicheri, De Agostini Editore.
CREDITS

Autore
Augusto Favaloro

Regia
Angelo Camba

Producer
Augusto Favoloro

Operatori
Angelo Camba
Valentina Mele

Montaggio
Fabrizio Parisi per Studio Effe

Esperto
Yuki Kumagawa, sommelière

Si ringrazia
Giorgio Chiarli e la Chiarli 1860 (Modena)
www.chiarli.com

Linda Rubini - Ufficio Stampa Maurizio Rocchelli (Milano)
www.rocchelli.eu

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Cucina e ricette
SEGUICI