Come usare il sapone di Aleppo

Guida Guida

Scopri gli usi del sapone di Aleppo, il sapone ad alta concentrazione di olio d’oliva e d’alloro. Impara a sfruttare tutte le sue qualità.

Il sapone di Aleppo, considerato un antenato del sapone di Marsiglia, viene prodotto da secoli nell’omonima città siriana da cui prende il nome. Si presenta come un panetto cubico, verde all’interno e marrone all’esterno, con il timbro del fabbricante e la percentuale di olio di alloro contenuta.

E’ privo di conservanti ed è ricco d’olio d’oliva e olio di bacche d’alloro, che lo rendono adatto all’igiene personale per via delle loro proprietà lenitive ed antibatteriche.

Il sapone di Aleppo, non contenendo additivi di sintesi, risulta particolarmente adatto per chi è affetto da allergie o intolleranze ai profumi. Essendo poi estremamente delicato è perfetto per la pelle dei bambini e per la detergenza di viso e corpo. C’è anche chi lo usa come shampoo antiforfora, avendo poi cura di risciacquare i capelli con acqua e aceto, in modo da ripristinare i normali livelli di ph.

Oltre ad essere un valido struccante per il viso, viene usato dagli uomini per la rasatura della barba in quanto l'olio di alloro distende la pelle e apre i pori e dalle donne come schiuma per la depilazione.

Può essere impiegato senza problemi come detergente anche nel caso si soffra di psoriasi o eczemi della pelle: in genere si consiglia di scegliere il sapone con minore concentrazione d’olio d’alloro, se si ha la pelle particolarmente sensibile.

Quando ti lavi il viso con il sapone di Aleppo lascia agire la sua schiuma per soli cinque minuti prima di risciacquare ed otterrai l’effetto di una vera e propria maschera di bellezza purificante.

Il sapone di Aleppo è un prodotto multiuso, perché non si limita solo alla cosmesi ma svolge ad esempio anche un potente effetto antitarme: mettine un po’ negli armadi o nei cassetti, ed eviterai di utilizzare prodotti chimici per proteggere i tuoi capi di lana. Volendo lo puoi usare anche come detersivo per il bucato: riducilo in scaglie con una grattugia e versalo nel cestello della lavatrice direttamente a contatto con gli indumenti.
Come vedi il sapone di Aleppo ha un uso quasi universale, l’unica accortezza da seguire riguarda la sua conservazione: evita di tenerlo in contenitori di plastica preferendo piuttosto un portasapone in legno oppure avvolgilo in un fazzoletto di cotone per impedire che i germi si moltiplichino.
 

foto Sapone di Aleppo via photopin.com

Pregiatezza del sapone di Aleppo

La percentuale di olio d’alloro nel sapone di Aleppo varia dal 4% al 60%: più la percentuale è elevata e più pregiato è il sapone.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI