Come tinteggiare casa con le vernici naturali

Guida Guida

Devi tinteggiare di nuovo le pareti di casa tua? Cerca di usare le vernici naturali, più sane e rispettose dell’ambiente a differenza delle pitture tradizionali.

Al giorno d’oggi le più importanti case produttrici di vernici per tinteggiatura cercano di ridurre il più possibile le sostanze chimiche presenti nei loro prodotti ma, per quanti tentativi facciano, rimane pur sempre una dose consistente di composti organici volatili (COV), resine, additivi e conservanti.

L’unica alternativa è allora quella di scegliere delle vernici naturali i cui principali ingredienti sono l’olio di semi di lino, la calce naturale, la caseina del latte e i solventi naturali come la trementina o gli oli derivati dagli agrumi.

Sul mercato vengono proposte pitture naturali di qualsiasi tipo e per qualsiasi esigenza: dalle vernici lucide o satinate a quelle a base d’acqua, dalle pitture adatta per legno o metallo a quelle per intonaco e muratura.

Purtroppo vi è un limite di cui tenere conto e cioè che le pitture naturali risultano un po’ più costose rispetto quelle tradizionali.

Altro limite è rappresentato dal fatto che non contenendo antimuffe e conservanti: le pitture naturali tendono a conservarsi per un periodo limitato ovvero circa nove mesi se la confezione resta intatta. Inoltre, pur applicandosi alla stessa maniera di quelle tradizionali, tendono ad avere tempi di asciugatura più lunghi in quanto privi di additivi che favoriscono l’essicazione.

I vantaggi tuttavia sono molteplici: innanzitutto le pitture naturali sono microporose e traspiranti, quindi non soggette a rigonfiamenti a seguito di fenomeno di umidità, in più non si scrostano come invece accade alle pitture sintetiche e sono inodore.

Le vernici naturali sono poi totalmente biodegradabili e vengono fornite in confezioni riciclabili, inoltre consentono di lavare pennelli e rulli semplicemente con acqua e sapone.

La cosa assolutamente rilevante è che queste vernici sono sicure per l’ambiente e non sono testate sugli animali: né durante né dopo l’applicazione rilasciano componenti volatili nocivi, quindi comportano minori rischi di sensibilità e di allergie.

Insomma sotto tutti gli aspetti le pitture naturali rappresentano un'alternativa vantaggiosa alle tradizionali pitture se vuoi ridurre l’inquinamento domestico.
 

Foto © adimas - Fotolia.com

Vernici fotocatalitiche

Esistono delle vernici, dette fotocatalitche, in grado di attrarre ed assorbire le polvere sottili presenti in casa, limitando così l'inquinamento indoor.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI