In Antartide nasce il parco marino più grande della Terra.

Notizia Notizia

Raggiunto un accordo storico tra i Paesi protettori del Polo Sud per preservare la biodiversità nel Mare di Ross in Antartide. 

In Antartide nasce il parco marino più grande della Terra.

Una riserva marina di 1,55 milioni di chilometri quadrati nel Mare di Ross, in Antartide: dopo anni di dibattiti e negoziati falliti, è stata finalmente raggiunta l'intesa per creare un’area protetta da distruzione e navigazione sconsiderate per 35 anni, a partire dal dicembre 2017.

La riserva protetta nel Mare di Ross, che è pari all’area occupata da Francia, Gran Bretagna e Germania messe insieme, diventerà il Parco marino più grande del mondo

Del milione e mezzo di chilometri quadrati che costituiscono la riserva circa 1,1 milione, equivalenti cioè ai territori combinati di Spagna e Francia, saranno interdetti alla pesca con un divieto assoluto.

L’accordo è stato raggiunto a Hobart in Tasmania ed è stato siglato da 24 Paesi e dall'Unione Europea, cioè dai membri della Commissione per la Conservazione della fauna e della flora marina dell'Antartide (Ccamlr).

L’intesa è stata raggiunta dopo cinque lunghi anni di discussioni e solo dopo che è caduto il veto di Cina e Russia: Mosca, in cambio ha chiesto e ottenuto una riduzione della durata dell'intesa a 35 anni dai 50 inizialmente proposti dai sostenitori dell'accordo, capeggiati dai promotori Stati Uniti e Nuova Zelanda.

Il Mare di Ross, noto anche come "l'ultimo oceano", è una delle pochissime frontiere selvagge del mondo ed è considerato come l'unico ecosistema marino intatto del pianeta perché non ancora messo a rischio da inquinamento, pesca sconsiderata e specie invasive.

Il raggiungimento di questa intesa si rendeva necessario per arrestare l’avanzata delle flotte di pescherecci che, dopo aver svuotato i mari vicini, facendo razzia di pesci e di krill, hanno incominciato a pescare in maniera sconsiderata anche nelle acque dell'Antartide.

Per questa ragione era davvero fondamentale preservarne la biodiversità anche perché il Mare di Ross è a tutti gli effetti considerato una sorta di laboratorio a cielo aperto in cui si possono osservare gli effetti del cambiamento climatico.

Credit © fotodeandre - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI