Nelle città italiane solo 31mq di verde a testa

Notizia Notizia

Secondo le stime di Coldiretti le città italiane son poco green perché offrono una ridotta disponibilità di spazi verdi. 

Nelle città italiane solo 31mq di verde a testa

Le città italiane più verdi si trovano nel Nord-est, mentre le ultime posizioni sono occupate da Barletta e L'Aquila: lo afferma Coldiretti in base all'ultimo rilevamento Istat.

Secondo i dati raccolti, ogni abitante in Italia dispone mediamente di appena 31,1 metri quadrati di verde urbano, per un totale di 567 milioni di metri quadri di verde presente nei capoluoghi di provincia.

Gli spazi verdi nelle città sono molto importanti perché contribuiscono a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi: purtroppo la combinazione di due fattori, cioè i cambiamenti climatici e la ridotta disponibilità di spazi verdi, ha favorito la crescita dello smog nelle città.

Tenendo conto che una pianta è in grado di eliminare dall'aria tra i 100 e i 250 grammi di polveri sottili ne consegue che un ettaro di piante può catturare circa 20 chili di polveri e smog in un anno: la presenza del verde urbano diventa dunque fondamentale per migliorare la qualità dell’aria.

Bisogna pertanto intervenire per favorire lo sviluppo e il mantenimento del verde urbano che per ora, in Italia, rappresenta solo il 2,7% del territorio dei capoluoghi di provincia per una media di 31,1 metri quadrati a testa.

La situazione non è omogenea perché le città più dotate di verde urbano si trovano nel Nord-est con una media di 50,1 metri quadrati di verde per persona: il valore è praticamente doppio rispetto alle città del Centro, del Nord-ovest e delle Isole. Invece la media del Sud è molto più bassa, con solo 42,5 metri quadrati di verde per abitante.

Le città che rientrano nella top ten dei capoluoghi con maggiore densità di verde pubblico sono Trento, Sondrio, Gorizia, Pordenone, Verbania, Matera, Potenza, Iglesias, Reggio Calabria e Terni.

Foto © Ana Blazic Pavlovic - Fotolia.com 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI