Breathing Skins, quando il palazzo respira

Notizia Notizia

Breathing Skins Project è un progetto di architettura che si fonda sulla biomimetica, ovvero la tecnologia che si ispira a tessuti organici e alla pelle. 

Esistono degli edifici in grado di respirare, proprio come gli esseri umani, attraverso migliaia di pori posti sulla loro facciata: stiamo parlando di Breathing Skins Project, un progetto di bioarchitettura di Tobias Becker che, sull’argomento, ha scritto una tesi di laurea presso l’Università di Stoccarda.

Il progetto si basa sulla biomimetica, vale a dire la tecnologia che prende spunto dalla struttura di pelli e tessuti organici e dalla loro capacità di regolare la permeabilità oltre che di controllare il flusso di luce e la temperatura, caratteristiche scontate per un organismo vivente ma non per le facciate degli edifici.

La biomimetica permette alla facciata di un edifico di interagire con l’ambiente esterno: ciò consente di vivere in modo più continuativo tra l’interno dell’edificio e le zone esterne.

Grazie alla tecnica Breathing Skins le facciate degli edifici sono dotate di piccoli fori che possono aprirsi o chiudersi proprio come i pori della pelle: su ogni metro quadrato di una facciata possono esserci fino a 140 canali d’aria chiamati da Becker “muscoli pneumatici”.

Questi dispositivi circolari, gonfiandosi e sgonfiandosi, creano un movimento collettivo che determina la permeabilità della facciata. Così la facciata lascia passare la quantità di aria perfetta in base alle condizioni esterne, inoltre i muscoli pneumatici fanno penetrare all’interno la luce a seconda delle decisione prese dagli utenti che abitano nell’edificio.

In un certo senso questa tecnologia si può paragonare a un sandwich costituito da due superfici di vetro esterne e uno strato interno composto dal sistema Breathing Skins.

La forma dei pannelli di vetro può assumere infinite possibilità diventando una superficie piana o curva e la colorazione dei muscoli pneumatici può essere lucida o opaca consentendo quindi all’utente finale di personalizzare il sistema come meglio desidera.

Foto www.breathingskins.com 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI