Presentato il Global Assessment Report on Disaster Risk Reduction

Guida Guida

Monito dell’Onu sui rischi legati al cambiamento climatico: occorre ridurre i rischi o sarà troppo tardi per mitigare le catastrofi. 

I rischi legati al cambiamento climatico sono giunti a un punto preoccupante: le Nazioni Unite lanciano un monito a ridurle prima che i danni diventino troppo dispendiosi da affrontare.

L’annuncio arriva in seguito alla pubblicazione del Global Assessment Report on Disaster Risk Reduction che dichiara preoccupante l’immobilismo sulla riduzione del rischio di catastrofi.

Questa relazione sostiene che, in tutto il mondo, il costo economico delle catastrofi naturali è giunto a valori che oscillano tra i 250 e i 300 miliardi di dollari, e avvisa che, senza misure urgenti per prevenire i peggiori impatti, le cifre di denaro non potranno far altro che crescere ulteriormente.

Margareta Wahlström, rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite, ha espressamente dichiarato che se non verrà affrontata in fretta la riduzione del rischio, le future perdite a causa delle catastrofi aumenteranno. Inoltre ciò avrà un impatto sulla competenza dei paesi di impiegare risorse in altri settori, come quelli della sanità e dell’istruzione.

Secondo il segretario generale dell’Onu Ban Ki-Moon in molti paesi il cambiamento climatico sta ingigantendo i rischi e aumentando il costo dei disastri: purtroppo c’è una possibilità molto concreta che il rischio di catastrofi arrivi a un punto di non ritorno, superato il quale gli sforzi e le risorse necessarie per ridurlo non saranno più gestibili delle generazioni future.

Eppure, a livello economico, sono molto interessanti i dati che spingerebbero ad investire in tal senso: ogni anno un investimento di 6 miliardi di dollari in strategie di gestione del rischio di catastrofi potrebbe produrre benefici in termini di riduzione del rischio di 360 miliardi di dollari.

Foto © gustavofrazao - Fotolia.com

Stime di risparmio

Un investimento di 6 miliardi di dollari annui, in strategie di gestione del rischio di catastrofi, porterebbe a un taglio del 20% delle perdite economiche: ciò equivale allo 0,1% dei 6 mila miliardi che verrebbero investiti in infrastrutture nei prossimi 15 anni.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI