Bioclean: i microorganismi per recuperare la plastica

Guida Guida

Il progetto Bioclean, un nuovo processo biotecnologico, è stato sviluppato per degradare e detossificare i rifiuti di plastica e combattere l'inquinamento.

Un team internazionale di scienziati ha studiato un nuovo processo biotecnologico per degradare e detossificare i rifiuti di plastica.

La plastica ha talmente colonizzato le acque del mar Mediterraneo da essere diventata il rifiuto numero uno.

Il problema fondamentale è che la plastica si fotodegrada: sotto l’azione della luce si sminuzza in piccoli pezzi fino a raggiungere le dimensioni dei polimeri che la compongono. In questo modo vengono rilasciati nell'ambiente i policlorobifenili, degli inquinanti altamente tossici che, dopo essere ingoiati dagli animali planctofagi, entrano a far parte della catena alimentare.

Questo processo di inquinamento potrebbe essere attenuato da BIOCLEAN, un progetto biotecnologico sviluppato da un consorzio di 19 membri con il finanziamento dell’Unione Europea.

Per trovare una soluzione al problema, BIOCLEAN ha concentrato tutti i suoi sforzi sulla biodegradazione di una serie di polimeri come polistirolo (PS), polietilene (PE), cloruro di polivinile (PVC) e polipropilene (PP) compiuta da microorganismi, in particolare batteri e funghi.

Il progetto BIOCLEAN è partito isolando e selezionando microorganismi prelevati da discariche europee, siti industriali contaminati, impianti di compostaggio, impianti di trattamento anaerobici e alcuni siti marini come il Mar Egeo e il Mare di Norvegia, che presentano una elevata percentuale di rifiuti plastici.

Quindi i ricercatori hanno analizzato i batteri e i funghi evidenziando quelli più efficienti in relazione alla degradazione e detossificazione dei rifiuti plastici.

Così facendo i ricercatori hanno stilato un elenco di organismi aerobi e anaerobi predisposti al compito: li hanno associati a dei trattamenti chimici e fisici e poi li hanno testati su un’ampia gamma di plastiche.

Infine si è proceduto a un test finale, eseguito su ampia scala ed eseguito nella struttura comunale di compostaggio di Chania, sull’isola greca di Creta: BIOCLEAN ha dimostrato di essere in grado di migliorare la biodegradazione dei rifiuti plastici.

Foto © Richard Carey - Fotolia.com

Partner di BIOCLEAN

Nel consorzio che ha sviluppato il progetto BIOCLEAN ci sono partner come la Cina e l’Associazione PlasticsEurope.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI