Aprile 2014 considerato il mese più inquinato della storia

Guida Guida

Secondo gli studi di Climatecentral.org aprile 2014 è stato il mese più inquinato nella storia umana perché si è costantemente superata la soglia di CO₂

Lo scorso mese di aprile è stato considerato il mese più inquinato della storia in quanto il livello medio di anidride carbonica presente nell’atmosfera è stato superato in maniera costante e continuata. In particolare il livello di CO₂ nell’aria è rimasto per tutto il mese oltre la soglia delle 400 parti per milione (ppm).

A stabilirlo gli studi di Climatecentral.org che ha riportato il preoccupante dato proprio a fine aprile e le previsioni non sembrano migliorare per i prossimi mesi.

Infatti secondo quanto affermato dagli esperti le concentrazioni di anidride carbonica dovrebbero quasi certamente restare al di sopra delle 400 ppm a maggio e molto probabilmente anche a giugno, mentre a luglio dovrebbero tornare a scendere sotto questa soglia.

Pieter Tans, climatologo della National oceanic and atmospheric administration (Noaa), una costola del dipartimento del commercio Usa, sostiene che il culmine delle concentrazione di CO₂ dovrebbe presentarsi a maggio, arrivando fino a circa 402,5 ppm, per poi iniziare a diminuire.

Ma non è detto: i livelli potrebbero stabilizzarsi sopra le 400 ppm anche in autunno finendo per restare oltre questo limite per tutto l’anno a causa di anni e anni di accumuli.

Gli esperti citati da Climate Central spiegano che l’atmosfera terrestre attraversa un ciclo di livelli di anidride carbonica che si alzano e calano a seconda dell’influenza delle stagioni.

In pratica le concentrazioni di CO₂ aumentano in inverno e in primavera, raggiungendo il picco a maggio con la fioritura delle piante

Ma è proprio a partire da questo mese che le stesse piante, grazie al processo di fotosintesi, contribuiscono a eliminare anidride carbonica, facendone diminuire i livelli.

Purtroppo però, come sostiene lo scienziato Ralph Keeling, continuando a bruciare combustibili fossili ai ritmi attuali, le concentrazioni di CO₂ continuano ad aumentare in modo preoccupante.

Foto Credit © tomas - Fotolia.com 

Sito delle misurazioni

La misurazione della CO₂ in atmosfera è monitorata da un sito sul vulcano Mauna Loa alle Hawaii dove la prima misurazione oltre le 400 ppm è stata rilevata il 9 maggio del 2013.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI