Stop al consumo di suolo, il sito contro l’epidemia cemento

Guida Guida

A seguito del rapporto “Basta case di carta", Legambiente ha lanciato il sito "stop al consumo di suolo" contro abusi edilizi e l’epidemia cemento. 

Con il rapporto "Basta case di carta" Legambiente ha presentato i dati sul consumo di suolo e cementificazione in Italia: in tre anni sono andati persi ben 720 chilometri quadrati di suolo.

Una vera e propria epidemia di cemento che ha spinto l’associazione ambientalista a lanciare il sito Stop al consumo di suolo, il portale dell'Italia minacciata da progetti edilizi, lottizzazioni, autostrade.

Il tasso di consumo di suolo negli anni 50 era pari al 2,9% mentre oggi si aggira intorno al 7,3% l'anno

Dei 22 mila chilometri quadrati urbanizzati in Italia, il 30% è occupato da edifici e capannoni mentre il 28% da strade asfaltate e ferrovie.

Tra le città con le superfici più cementificate vi sono in testa Napoli e Milano con oltre il 60%, seguite da Pescara e Torino con oltre il 50% e poi da Monza, Bergamo, Brescia e Bari con oltre il 40% di superficie impermeabilizzata".

Insomma una cementificazione scellerata che è andata ben oltre la crisi e che non ha inciso per nulla sull'emergenza casa che riguarda quasi 650 mila famiglie.

Sarebbe invece più urgente intervenire sugli oltre 2,5 milioni edifici residenziali già esistenti senza contare i necessari interventi per mettere in sicurezza gli 865 mila edifici residenziali in aree ad alto rischio sismico a cui si aggiungono i 4,7 di edifici residenziali a rischio medio ed alto. Gli edifici residenziali a rischio frane ed alluvioni sono invece oltre 1,1 milioni, in particolare in Campania ed Emilia-Romagna.

Quella che manca è una riqualificazione urbana ad hoc che purtroppo tarda ad essere attuata con le terribili conseguenze a cui troppo spesso siamo abituati ad assistere.

Foto Credit © JL Hébert - Fotolia.com

Edifici a rischio

Le punte più elevate di edifici a rischio sono in Sicilia (1,2 milioni) ed in Campania (800 mila edifici)
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI