Allarme dei ricercatori: sale il livello dell'Oceano Antartico

Guida Guida

Il Polo Sud si sta sciogliendo e il livello dell'Oceano Antartico sale: un team di scienziati ha calcolato la crescita delle acque in due millimetri l'anno rispetto all'Oceano Meridionale. 

A causa del consistente scioglimento dei ghiacci del Polo Sud, il livello delle acque lungo le coste dell'Antartide si sta alzando alla velocità di circa due millimetri all'anno, cioè più rapidamente di quelle dell'Oceano Meridionale.

A riferirlo è un team di scienziati guidati da Craig Rye della University of Southampton, nel Regno Unito. Gli studiosi inglesi hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche in un articolo comparso online su Nature Geoscience.

Craig Rye e i suoi colleghi riferiscono che il rilascio di acqua fresca da scioglimento dei ghiacciai antartici e lastre di ghiaccio sta alimentando un rapido innalzamento del livello del mare lungo la costa antartica.

Gli studiosi inglesi hanno registrato l'innalzamento del livello del mare lungo le coste dell'Antartide impiegando i dati satellitari raccolti tra il 1992 e il 2011 e ricorrendo a un modello di circolazione oceanica.

Gli scienziati hanno così scoperto che il livello del mare lungo la costa antartica è cresciuto di circa due millimetri all'anno in più rispetto a tutto l'Oceano del Sud, che si estende dalla costa antartica a 40 gradi sud.

Inoltre si è recentemente scoperto che il manto ghiacciato che copre la Groenlandia e la calotta ghiacciata dell'Antartico ha subito una perdita senza precedenti alla velocità di 500 chilometri cubici l'anno: a stabilirlo sono state le nuove ricerche svolte grazie al satellite Esa CryoSat.

Foto © nyankotoasobu - Fotolia.com

L’oceano Antartico

L’oceano Antartico è situato nell'emisfero australe e circonda l'Antartide estendendosi fino alla latitudine di 60° sud oltre la quale vi sono l'oceano Pacifico, l'oceano Atlantico e l'oceano Indiano
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI