Come capire se tuo figlio fuma

Guida Guida

Hai un figlio adolescente e temi abbia inziato a fumare? Ecco allora i segnali a cui prestare attenzione.

Sono purtroppo tanti gli adolescenti che cominciano a fumare di nascosto dai genitori.

Le statistiche in proposito parlano chiaro: la maggior parte dei fumatori ha iniziato molto presto, nella maggior parte dei casi proprio durante l'adolescenza.

Un intervento tempestivo da parte dei genitori, allora, può essere davvero importante per evitare che le prime sigarette possano trasformarsi più avanti in un vizio molto difficile da gestire e soprattutto molto pericoloso per la salute.

In genere i ragazzi cominciano a fumare per imitare i compagni o per mostrarsi più sicuri, vedendo nella sigaretta un mezzo grazie al quale sentirsi "adulti". E tutto questo di nascosto dai genitori, che nel frattempo si tormentano con mille domande.

Se dunque temi che tuo figlio possa avere iniziato a fumare, ecco quali sono i segnali a cui devi prestare particolare attenzione.

  1. L'odore sui vestiti. Se da un po' di tempo a questa parte hai notato che gli indumenti di tuo figlio, o i capelli, soprattutto se sono lunghi, risultano spesso impregnati del classico odore di fumo, non sottovalutare la cosa. Se l'odore è molto intenso, infatti, difficilmente potrà trattarsi di fumo passivo.
  2.  Un accendino in tasca. Una confezione di fiammiferi o un accendino trovati nel suo zaino o nelle tasche dei jeans che stai per lavare, possono essere un chiaro segnale che tuo figlio ha iniziato a fumare.
  3. Mentine o gomme da masticare. Se noti che ultimamente mastica sempre caramelle o gomme alla menta, fai attenzione: potrebbe essere il classico stratagemma che i ragazzi usano per mascherare l'alito che sa di sigaretta.
  4. Finestre aperte. Anche cambiare spesso l'aria nella propria stanza può essere un segnale: potrebbe infatti essere una strategia per far uscire l'odore di fumo dalla propria camera così da non essere scoperto.
  5. Gli amici. Se la maggior parte degli amici di tuo figlio fuma, non sottovalutare la cosa. Non significa necessariamente che anche tuo figlio fumi ma sicuramente ci saranno più probabilità che ne sia attirato.

Ad ogni modo, ricorda che, al di là degli indizi raccolti, la cosa migliore è sempre quella di affronatre apertamente tuo figlio e cercare il dialogo senza mostrarti troppo dura o arrabbiata.

Solo attraverso un confronto costruttivo, infatti, potrai cercare di spiegargli le tue ragioni, puntando l'accento su quelli che sono i reali pericoli del fumo e i suoi effetti negativi.

Foto © Sabphoto - Fotolia.com

 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI