SOS esame di maturità: il ruolo dei genitori

Guida Guida

Come comportarsi quando sono i figli a vivere un periodo di forte stress emotivo? Lo abbiamo chiesto alla psicologa Irene Corbani.

Genitori, figli e maturità. Come comportarsi quando sono i figli a vivere un periodo di forte stress emotivo? Lo abbiamo chiesto a Irene Corbani, psicologa clinica e consulente presso l'Ospedale Niguarda specializzanda in Psicoterapia Analitica Transazionale. "Innanzitutto è importante distinguere l'ansia dall'angoscia, che sono due cose molto differenti".

"L'ansia infatti - spiega la psicologa - è un potente informatore che spinge a fare. E' quindi da considerarsi positiva e necessaria, è propulsiva e aiuta a auto-motivarsi".

Ma cosa deve fare un genitore?

"L'atteggiamento con il quale porsi nei confronti dei figli è di disponibilità e ascolto. In questa particolare occasione della maturità, si consiglia di spronare ed energizzare la parte adulta del proprio figlio rimandando alle sue capacità e alle sue particolarità nell'affrontare l'esame".

"Il ragazzo si trova appunto" - oltre che in un momento di forte tensione - in un periodo di passaggio: termina un periodo conosciuto che sfocia in un "qualcosa di completamente nuovo". In questo passaggio ci possono quindi essere dei mutamenti nel comportamento: o una regressione o una spinta verso l'indipendenza. L'ideale è assecondare il maturando ed essere il più flessibili possibile. Le parole d'ordine? "Comprensione, protezione e accoglienza" , conclude la psicologa.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI