Abbronzarsi in gravidanza: consigli per una tintarella a misura di pancione

Guida Guida

Anche le future mamme d'estate possono puntare a un incarnato abbronzato: l'importante è rispettare qualche semplice regola.

Con l'arrivo dell'estate, il mare e le giornate in spiaggia fanno subito venire la voglia di regalarsi una tintarella invidiabile.

Ma cosa fare quando si è in dolce attesa?

Anche col pancione non è necessario rinunciare a esporsi al sole: l'importante è tenere a mente qualche piccola regola

Durante la gravidanza, infatti, la pelle delle future mamme ha bisogno di qualche attenzione extra.

Ecco allora come comportarsi per una tintarella a misura di pancione!

  • La prima regola da seguire è quella di scegliere una buona crema solare con un alto fattore di protezione, in modo da assicurare alla pelle il giusto livello di copertura dai raggi solari che possono essere pericolosi.
  • Per il viso è sempre meglio optare per un fattore di protezione più alto: durante la gravidanza infatti, sul volto delle future mamme possono comparire delle macchie più scure. Si tratta di cloasma gravidico, un inestetismo causato dall'azione degli ormoni.
  • Un'altra regola importante è quella di evitare l'esposizione al sole durante le ore più calde della giornata: quando la temperatura aumenta, infatti, il rischio è quello di essere vittime di un "colpo di calore" poiché gli estrogeni, gli ormoni della gravidanza, possono rendere la temperatura corporea più alta del normale.
  • Altro aspetto da non sottovalutare è l'idratazione della pelle: durante la gestazione infatti, se la pelle è troppo secca, aumenta il rischio della comparsa di smagliature su tutto il corpo. Via libera allora alle creme ad alto potere idratante e nutriente.
  • Infine, è meglio cercare di non esporsi al sole un lasso di tempo troppo prolungato in modo da evitare il surriscaldamento eccessivo dell'utero.

© Martin Valigursky - Fotolia.com

 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI