Come scegliere le vacanze estive in gravidanza

Guida Guida

Le vacanze estive le aspettiamo tutto l'anno e se aspettiamo un bambino ci assale qualche dubbio. Forse meglio restare a casa?Rinunciare al mare? La montagna mi farà bene o male? Con qualche attenzione vediamo come scegliere le vacanze estive e goderci il meritato relax.

Le vacanze estive le aspettiamo tutto l'anno e se aspettiamo un bambino ci assale qualche dubbio. Forse meglio restare a casa?Rinunciare al mare? La montagna mi farà bene o male?  

Come scegliere le vacanze estive in gravidanza?

  • Partiamo da una premessa fondamentale:

Se la nostra gravidanza procede bene. Se stiamo bene in salute. Se non abbiamo particolari disturbi. Anche in gravidanza possiamo scegliere la mèta che preferiamo per le nostre vacanze.

Al mare o in montagna?

Come abbiamo premesso, se la mamma sta bene e la gravidanza procede senza problemi, non c'è nessuna controindicazione per scegliere la mèta che preferiamo. Così come non ci sono particolari limitazioni ai mezzi di trasporto: auto, treno, aereo, traghetto.

La cosa migliore è scegliere una destinazione che amiamo e nella quale possiamo rilassarci, ma anche fare un po' di moto.

  • Al mare, in montagna, in campagna o nelle città d'arte la raccomandazione è ovvia, ma fa bene ripeterla: durante la gravidanza evitiamo tutti gli sforzi eccessivi, gli sport e le attività pericolose, i cibi e le bevande proibiti, il sovraccarico di stanchezza.

Quali attenzioni avere?

Dipende caso per caso e dipende ovviamente anche dal momento della gestazione in cui ci troviamo. Facciamo degli esempi?

  • Una mamma in attesa neiprimi 3 mesi, facilmente è nel periodo dei classici disturbi come la nausea.

In questo caso i viaggi lunghi in macchina non sono proprio di  aiuto. Ma ognuna di noi conosce il proprio corpo e l'istinto in certi casi è la migliore guida, per evitare di iniziare la vacanza con il malessere.

  • Se la nostra gravidanza è verso la conclusione, il problema si sposta soprattutto sulla vicinanza di un ospedale al luogo di vacanza.

Non si sa mai, il nostro bambino volesse fare un bagnetto anche lui e si decidesse a nascere prima del previsto, è meglio essere preparate.

  • Ovviamente, soprattutto se la nostra partenza avviene nel periodo più caldo dell'estate, viaggiare nelle ore più fresche è consigliabile. 

Altrettanto utile è ricordarsi di portarsi delle scarpe comode e di vestirsi a strati per il viaggio. Nel caso di uno spostamento lungo, la posizione ferma e obbligata si sopporterà meglio.

  • Anche un piccolo cuscino per sostenere la schiena sul sedile dell'auto è un ottimo aiuto.

In qualsiasi caso prepariamo un'abbondante scorta di acqua e bevande e beviamo molto, in modo di combattere la disidratazione dovuta al viaggio e al calore.

Al mare, oltre a proteggere la pelle sempre e ripetutamente con le apposite creme solari protettive,

  • evitiamo l'esposizione nelle ore più calde
  • facciamo attenzione ad eventuali fonti di micosi, allergie o infezioni in spiaggia, in acqua,  come nei luoghi frequentati
  • beviamo molto e ricordiamoci la frutta
  • riposiamo e passeggiamo con le gambe in acqua

In montagna proteggiamo la pelle dal sole , così come la testa e gli occhi

  • facciamo attenzione agli sbalzi di pressione dovuti ai cambi di altitudine

Quest'anno, se aspettiamo un bambino, evitiamo le isole sperdute, i viaggi transoceanici se non indispensabili, i rifugi alpini nei ghiacciai eterni.

Insomma godiamoci le nostre vacanze in relax, con il nostro pancione e se abbiamo ancora dubbi consultiamo il nostro medico, prima e durante la vacanza.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI