Come farsi aiutare in casa dai figli

Guida Guida

I vostri figli vi aiutano in casa? Siete delle mamme iperattive di figli poltroni? Qualche consiglio per farvi aiutare in casa dai figli, cominciando fin da piccoli

Farsi aiutare in casa dai figli, anche se sono piccolini, non è solo un modo di dividere i carichi e lo stress, ma è uno strumento educativo e anche un modo di fare-famiglia, collaborando tutti insieme al bene comune. Farsi aiutare in casa è uno strumento educativo perchè mette le basi

  • per far crescere il senso di responsabilità
  • per imparare a svolgere compiti via via più complessi
  • per sensibilizzare al rispetto di se' e degli altri
  • per acquisire l'autonomia
  • per insegnare che la vita è anche impegno
  • per l'organizzazione del tempo e degli spazi

Farsi aiutare in casa dai figli è un modo immediato di riconoscere a ognuno il proprio ruolo all'interno della famiglia, a seconda delle sue possibilità. E tutti insieme si collabora per il bene comune. Anche se abbiamo la fortuna di avere una baby-sitter o un aiuto in casa.

  • In questo senso, non esiste un'età giusta per iniziare a farsi aiutare.

La strada migliore è iniziare fin da subito a considerare i nostri figli come parte integrante della famiglia, anzichè come 'incapaci' in attesa di crescere.

In Italia nella maggior parte dei casi, i bambini vengono esclusi dalle mansioni casalinghe, a causa di un fattore culturale consolidato.

  • Negli Stati Uniti e in molti paesi europei invece, i bambini vengono coinvolti fin da piccoli e imparano presto a rifarsi il letto, lavare i piatti, utilizzare la scopa o l'aspirapolvere, cucinare, etc. sviluppando una competenza manuale e un'autonomia che a noi sembra straordinaria.

In realtà i bambini, nel rispetto delle loro capacità e dei loro tempi di crescita, hanno solo bisogno che gli si lasci la possibilità di farlo, per dimostrarci che sono molto più abili di quanto pensiamo.

Possiamo allora cominciare fin da quando sono molto piccoli, a coinvolgerli nelle nostre faccende domestiche. Può essere semplicemente portarli con noi quando dobbiamo raccogliere il bucato, caricare la lavatrice, rifare il letto e iniziare giocando con loro, a farsi aiutare.

  • All'inizio appunto sarà solo un gioco per loro, ma li abitua a considerare queste attività, una parte della loro giornata e del loro tempo con noi.

Se questa casa non è un albergo, allora attenzione a non trattare i nostri figli come degli ospiti viziati

Quando poi i bambini iniziano a crescere, saranno in grado di svolgere in autonomia molti compiti. Ad esempio:

  • Mettere in ordine giochi, libri, oggetti vari
  • Aiutarci a raccogliere il bucato e a piegarlo
  • Aiutarci a stendere il bucato
  • Aiutarci a caricare e scaricare la lavastoviglie
  • Spolverare la propria stanza o un'altra
  • Aiutarci a cucinare
  • Aiutarci a innaffiare le piante
  • apparecchiare, sparecchiare
  • rifare il letto

...e molto altro. Aiutandoli nell' imparare a fare e nel diventare autonomi, potremo allora distribuire i diversi compiti non come una punizione o come un evento raro. Diventerà invece il loro modo naturale di partecipare alla vita familiare e sentirsene parte, in modo responsabile.

  • All'inizio tutto questo ci chiederà di impiegare un po' più di tempo. Ma è un tempo ben speso. Un investimento per il futuro.

photo credit: Ostrosky Photos via photo pin cc

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI