Consigli pratici su bambini e computer: i giochi

Video Video
Consigli pratici su bambini e computer: i giochi. Segui i nostri consigli su quali giochi educativi per computer è meglio scegliere per i bambini e su come supervisionarli.

A domanda... risposta

Quali giochi possono essere proposti ai bambini e perchè?

I primi giochi che si propongono ai bambini per permettere loro di passare dalla realtà alla realtà virtuale del computer, sono giochi di associazione, simili ai giochi che fanno manipolando.
Utilizzando gli stessi giochi che conoscono nella realtà pratica trasportati nella realtà virtuale i bambini sono facilitati perchè ne conoscono già le regole e l'esecuzione.
Sanno benissimo come funziona un domino o l'incastro di un puzzle, e non si trovano a dover affrontare altre difficoltà.

Quali caratteristiche devono avere i giochi virtuali per i bambini e quale funzione hanno?
Il bambino è stimolato dal colore, dal suono, dalle forme. Il gioco virtuale deve catturare l'attenzione per sviluppare l'autoapprendimento.
Il gioco permette ai bambini di superare eventuali blocchi e paure che possono avere nella realtà.

Che cosa impara il bambino attraverso il gioco virtuale?
Attraverso i giochi il bambino impara che è lui a comandare il computer, e che è uno strumento utile, non magico, ma che lui può governare.

Come scegliere un software adatto ai bambini?
È meglio evitare di acquistare software a scatola chiusa perché spesso sono di scarsa qualità e inadatti ai bambini. È utile chiedere a educatori e a insegnati per avere un consiglio, sia per quanto riguarda i software in vendita, sia per quelli open source scaricabili da internet, di cui esiste una vasta scelta.

Quali aspetti bisogna tener presente nel proporre un gioco a un bambino?
La scelta dei giochi è molto soggettiva e bisogna tener ben presente qual è il carattere del bambino. Se è un bambino molto impaziente dovrà abituarsi alle regole di un gioco piuttosto lento. Se è un bambino piuttosto tranquillo si dovrà cimentare con un gioco che richieda un po' più di movimento.

Qual è il ruolo del genitore?
Il genitore deve fare attenzione a spiegare le modalità del gioco ma non dare soluzioni, perché la finalità del gioco è l'apprendimento e il bambino sviluppa apprendimento se si sperimenta in prima persona.
Un atteggiamento che può essere molto proficuo e porta molta soddisfazione al bambino è proporgli un gioco nuovo, aprirlo e scoprire insieme a lui come funziona.

PER SAPERNE DI PIÙ


Software sviluppati da esperti educatori si possono trovare su:

www.vbscuola.it

www.conquistaweb.it

CREDITS

Autore
Valeria Sanna per Bentobox

Regia
Valeria Sanna per Bentobox

Montaggio
Valeria Sanna per Bentobox

Esperta
Dott.ssa Livia Cozzio, docente ed esperta d'informatica e didattica

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI