Bambini al mare: come fare perché tutto fili liscio... come l'acqua!

Guida Guida

Tuffi in mare e nuotate sono il passatempo preferito dei bimbi in spiaggia: ecco allora qualche dritta per evitare pericoli.

I bambini in spiaggia amano correre, giocare, costruire castelli di sabbia ma soprattutto fare lunghi bagni in mare.

Per non correre rischi in acqua, però, è opportuno avere qualche piccola accortezza.

Il mare, infatti, specie per i bimbi che ancora non sanno nuotare bene, può nascondere qualche insidia che è meglio conoscere e insegnare anche ai piccoli per evitare spiacevoli incidenti. Senza ansia o stress, allora, ecco alcune regole per bagni in mare... in piena sicurezza!

  • Ai più piccoli è sempre bene far indossare il salvagente, scegliendo il modello più adatto alle loro esigenze. Attenzione anche alle norme di sicurezza: assicuratevi che sul salvagente sia riportato il marchio CE, che indica che il prodotto è stato fatto rispettando le norme di sicurezza approvate dalla Comunità Europea, e anche che garantisca resistenza all'acqua salata, clorata ma anche al sudore. E infine non dimenticate di verificare, prima di farlo indossare al piccolo, che non presenti difetti di fabbricazione o buchi.
  • Un'altra regola importante è insegnare ai bambini a non tuffarsi in acqua quando sono troppo accaldati: il rischio infatti è quello di avere una sincope, ovvero di essere vittime di una improvvisa perdita di coscienza con conseguente arresto della respirazione,
  •  Inoltre è fondamentale che i genitori, o in generale l'adulto che accompagna in spiaggia i piccoli, non perdano mai di vista il bambino, specie durante il momento del bagno. Sembra una raccomandazione scontata, tuttavia è bene tenere presente che le spiagge affollate e i tanti bagnanti in acqua possono disorientare anche le mamme più attente. Meglio allora fare il bagno tutti insieme o seguire i bambini dalla riva.
  • Per ragioni di sicurezza, inoltre, è opportuno spiegare ai bambini di non allontanarsi mai troppo dalla riva. Anche se sanno nuotare molto bene, infatti, ci sono situazioni che non è facile controllare, come le correnti troppo forti o ancora improvvisi malori.
  • Anche insegnare ai bambini a rispettare le condizioni meteo e delle acque, è di fondamentale importanza: meglio allora evitare i bagni quando il mare è troppo agitato o al massimo divertirsi giocando con le onde dalla riva.
  • E per il bagno dopo mangiato? Anche se il vecchio divieto di fare il bagno dopo aver mangiato sembra ormai essere stato smentito dagli esperti è bene comunque tenere a mente che, al mare, non bisogna appesantire i bambini con pasti troppo pesanti, ipercalorici e poco digeribili.

Foto © tsuppyinny - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI