NonStiamoZitti: la campagna social promossa da Telefono Azzurro contro il bullismo

Notizia Notizia

L'Associazione, insieme a tanti volti noti, lancia una campagna di sensibilizzazione a sostegno della prima Giornata Nazionale contro il bullismo.

NonStiamoZitti: la campagna social promossa da Telefono Azzurro contro il bullismo

Un fenomeno dilagante che colpisce tanto i bambini quanto gli adolescenti, in qualche caso con conseguenze drammatiche.

Parliamo del bullismo, una piaga difficle da debellare perché spesso taciuta e nascosta dall'omertà di chi sa e non parla o dal senso di vergogna provato dalle stesse vittime.

Proprio per questo Telefono Azzurro, la storica associazione che dal 1987 si batte per la difesa dei diritti dei più piccoli, ha indetto per il prossimo 7 febbraio, la prima Giornata Nazionale contro il bullismo, sostenuta da una campagna che ha visto coinvolti tanti volti noti dello sport, della musica e dello spettacolo.

#NonStiamoZitti è infatti la campagna social che Telefono Azzurro ha realizzato contro il bullismo attraverso una serie di video che vede protagonisti personaggi illustri, a cominciare da Francesco Totti.

L'intento è quello di sensibilizzare i ragazzi circa la necessità di parlare, confidarsi e soprattutto denunciare i casi di sopruso e di violenza, così da abbattere i muri dell'omertà e del silenzio e sconfiggere finalmente il bullismo.

Attraverso l'utilizzo dell'hashtag #NonStiamoZitti anche i più giovani, inoltre, potranno unirsi ai loro beniamini postando un proprio contenuto e aiutando così a far diventare virale un messaggio davvero importante.

Abbiamo chiesto ai beniamini dei più giovani di aiutarci tramite il loro codice a veicolare una serie di messaggi nel tentativo di tamponare un’emergenza dai risvolti spesso tragici, a causa del muro di silenzio issato al cospetto di situazioni di violenza che ormai non siamo più disposti ad accettare - ha dichiarato Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria Infantile -. #Nonstiamo zitti è la preghiera per porre fine alle cause drammatiche legate all’immediato presente delle vittime, ma con forti ripercussioni nel futuro degli uomini e le donne di domani. Siamo onorati del supporto ricevuto da personaggi dallo straordinario valore professionale, cui fa il paio, uno spessore personale di egual valore”.

Oltre a Francesco Totti, protagonista del primo video social, ad unirsi nella campagna di sensibilizzazione, anche l’olimpionico Andrea Zanardi, i conduttori Amadeus, Alvin, Enrico Lucci, la soubrette Juliana Moreira, la star della musica Alvaro Soler insieme alle cantanti Arisa e Dolcenera e tantissime altre celebrità.

Secondo i dati emersi, Telefono Azzurro gestisce almeno un caso di bullismo/cyberbullismo al giorno e riesce a contrastare il fenomeno con azioni concrete grazie al suo Centro Nazionale di Ascolto e al lavoro condotto nelle scuole.

Tuttavia sono ancora poche le vittime di bullismo che riescono a parlarne e soprattutto a denunciare agli adulti i soprusi subiti, finendo per isolarsi e, in qualche caso, per compiere gesti drammatici.

Per questo è giusto ribadirlo: parlare è l'unica arma davvero efficace contro il bullismo.

Passate parola. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI