Campus estivi: come orientarsi nella scelta

Guida Guida

La scuola sta per finire e per molti genitori potrà essere necessario iscrivere i bimbi a un summer camp: ecco allora come scegliere quello più adatto.

La fine della scuola non coincide necessariamente con l'inizio delle vacanze con mamma e papà, spesso impegnati col avoro in attesa delle tanto attese ferie.

La soluzione migliore, spesso, è quella di iscrivere i bambini ai cosiddetti campus estivi, ovvero dei servizi educativi, sportivi o culturali di vario tipo messi a disposizione da strutture in cui i piccoli potranno trascorrere del tempo imparando e divertendosi.

In questi ultimi anni l'offerta dei campue estivi è aumentata notevolmente e si è differenziata per assecondare sempre di più sia i bisogni dei genitori che le esigenze dei bambini che vi partecipano.

In molti casi le iscrizioni sono già aperte: meglio non perdere troppo tempo!

Ecco allora alcuni aspetti da considerare per scegliere il campus più adatto.

  • Come trovarlo. Potrà essere utile fare con un po' di anticipo una ricerca approfondita sul web, in modo da avere una panoramica esauriente delle possibilità offerte in città o nei paraggi. Altrimenti si può pensare di chiedere informazioni ad altri genitori che già hanno sperimentato tale possibilità.
  • Diurni o fuori città. Un'altra cosa da valutare attamente riguarda la tipologia del campo estivo verso cui orientarsi: l'intenzione è quella di cercare centri che offrano attività destinate a coprire i classici orari scolastici (dalla mattina fino al tardo pomeriggio)? O l'inteznione è forse quella di cercare e valutare strutture che offrano delle vere settimane di vacanza, al mare, in campagna oppure al lago? Se è la prima volta,  sarà meglio cercare di capire se il bambino è ben disposto a stare una settimana, o più, lontano da casa.
  • Il focus. Ogni proposta estiva in genere è incentrata su attività particolari. Ci sono i campus sportivi, per cimentarsi con calcio, barca a vela o equitazione, i campus basati su laboratori artistici e anche quelli che prevedono l'apprendimento di una lingua straniera. E' importante coinvolgere i bambini nella scelta in modo da assecondare i loro desideri e i loro interessi, altrimenti finiranno per andarci controvoglia.
  • Attività all'aria aperta. Qualunque sia la tipologia di campus prescelta è bene valutare centri che prevedano anche gochi e attività da svolgere all'aria aperta, così che i bimbi non si sentano costretti in un ambiente chiuso anche al termine della scuola e possano beneficiare della bella stagione per godersi un po' di "libertà".
  • Con gli amici. Un altro step utile nella scelta del campus estivo può essre quello di valutare i centri dove sappiamo essere iscritti altri compagni o amici del bambino. In questo modo il piccolo si sentirà più sicuro e anche mamma e papà saranno più tranquilli.

Foto © jolopes - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI