"Coding a scuola": arriva il primo manuale per giovani programmatori

Guida Guida

De Agostini Scuola lancia il primo eBook per insegnare ai bambini le regole della programmazione informatica.

Per i bambini di oggi, già propensi a utilizzare con facilità e disinvoltura il computer, conoscerne le regole di funzionamento può diventare una risorsa utilissima per il loro futuro.

Per questo De Agostini Scuola ha pensato di lanciare un eBook dedicato proprio all'introduzionde del coding nelle scuole e rivolto tanto agli insegnanti quanto ai genitori.

"Coding nelle scuole", acquistabile su Itunes a 4.99 Euro, è infatti un manuale che si propone di illustrare le prime regole del pensiero computazionale e della programmazione informatica attraverso modalità e strumenti semplici.

Autore del testo è Alberto Pian, esperto del settore che ha già firmato diverse pubblicazioni dedicate all'insegnamento e all'impiego delle nuove tecnologie nelle classi dei più piccoli.

Grazie agli esempi forniti, alle proposte di carattere pratico e al linguaggio accattivante, il manuale permette agli insegnanti di trovare spunti interessanti per introdurre i giovanissimi allo studio di una materia che, al di là delle scelte professionali, costituirà un sapere fondamentale per la loro vita futura.

L'insegnamento della programmazione informatica nelle classi è uno dei progetti voluti dalla legge sulla Buona Scuola e rappresenta un tema assolutamente attuale, come dimostra il caso di una scuola elementare della provincia milanese dove qualche giorno fa si è svolta la primissima lezione di coding destinata ad alunni di 9 anni.

Grazie a un programma speciale appositamente pensato per i piccoli dal Mit di Cambridge, i bambini hanno così potuto trasformare una fiaba in un cartone animato imparando a utilizzare per questo scopo il linguaggio informatico.

Con "Coding a scuola" De Agostini continua nell'intento di avvicinare i più piccoli allo studio dei programmi informatici come già dimostrato con i quaderni operativi "Coding. Programmare è un gioco", pensati per gli studenti di quarta e quinta elemenatre.

 

Foto © sepy - Fotolia.com

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI