"Le ragazze con il pallino per la matematica": il nuovo e-book De Agostini

Notizia Notizia

100 donne col pallino per la matematica si raccontano in 100 appassionanti conversazioni. Un libro che sfata i pregiudizi secondo cui le materie scientifiche sono solo per talenti naturali e per uomini. 

Chi l’ha detto che le materie scientifiche sono solo appannaggio degli uomini? Quello secondo cui le donne non sono portate per la matematica e le materie scientifiche è uno stereotipo duro a morire e un pregiudizio che è difficile da abbattere.

Basta pensare alla dichiarazione pronunciata nel 2005 da Lawrence Summers, rettore di Harvard, a proposito delle differenze innate tra uomini e donne nelle abilità matematiche e che portò alle sue dimissioni: “Nelle materie scientifiche, le donne sono inferiori agli uomini per caratteristiche innate”.

Nulla di più sbagliato, come dimostra il libro di Chiara Burberi e Luisa Pronzato ”Le ragazze con il pallino per la matematica”, in cui cento donne rappresentanti del mondo della matematica e delle scienze si raccontano in cento ricche e appassionanti conversazioni.

Nel libro si trovano le storie di Ilaria, scienziata internazionale che in passato era una “capra” in matematica; di Sandra, avvocata e manager che sognava di fare la veterinaria. E ancora ci sono le storie di Marina ingegnere, di Elena startupper, Debora giornalista e di Paola che fa la ricercatrice.

Chiara Burberi e Luisa Pronzato hanno curato questo e-book, raccogliendo le testimonianze e le esperienze di donne che hanno messo la scienza, la matematica, l’economia e l’ingegneria al centro della propria vita, nonostante la diffidenza di genitori e professori e nonostante statistiche e numeri in negativo.

In “Le ragazze con il pallino per la matematica” cento donne si sono confrontate sfatando i pregiudizi che vorrebbero le materie scientifiche solo per talenti naturali e solo per uomini: niente di più lontano dalla realtà.

L’e-book è una raccolta di 100 interviste che seguono una linea semplice che valorizza le personalità, le passioni e le esperienze individuali di studio e di professione: alcune donne sono nate con un talento evidente ma molte altre hanno scoperto e sviluppato competenze logico-matematiche solo nel tempo.

Nel libro di Burberi e Pronzato i racconti di crescita personale e professionale suggeriscono alle ragazze delle nuove generazioni percorsi di orientamento per la scuola e per il lavoro e possono aiutare a prendere consapevolezza delle proprie potenzialità, sfatando il mito che bisogna nascere talentuosi per avere una vita di successo: un messaggio rivolto alle ragazze tanto quanto ai ragazzi.

foto Redooc Blog

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI