Le paste polimeriche: le colle e i metodi di incollaggio

Guida Guida

Esperta di Paste Polimeriche
Simona Sanfilippo

Lavorare le paste polimeriche significa anche incollare i vari pezzi di cui si compone il manufatto: scegliere la colla più adatta allo scopo è molto importante per il risultato che si vuole ottenere

Le colle sono uno dei materiali più utilizzati nel mondo del fai da te.
In commercio ne esiste una serie davvero vasta e non si trova mai, purtroppo, una colla che possa adattarsi a tutte le esigenze. Per questo è molto importante conoscere e verificare le caratteristiche delle varie colle in commercio per sfruttarle al meglio.

Gli oggetti in pasta polimerica possono essere incollati su svariati supporti e materiali o anche in altre porzioni di pasta polimerica. Vediamo insieme i collanti più utili per fare aderire con sicurezza e affidabilità le nostre creazioni artigianali sui vari materiali.

Se si realizza un lavoro composto da diverse parti che si desiderano unire, possiamo farlo con la pasta polimerica in versione liquida. Basterà utilizzarne una goccia per unire le varie parti già cotte e rimetterle in forno una volta assemblate.
Esistono diverse ditte che le producono. Molto conosciute Fimo e Kato Liquid, ottimo anche Translucent Liquid Sculpey.

Se invece si desidera fare questa operazione a freddo, per incollare la pasta polimerica ad un supporto, si utilizzerà la colla adatta per lo specifico materiale.

Un ottima colla è quella Bicomponente Epossidica. Ne esistono di diverse marche. È una colla ultra resistente alle molteplici sollecitazioni. Rimane inalterabile a contatto con l’acqua, a molti solventi, agli sbalzi di temperature.

Una buona marca che posso suggerire è UHU Plus. Una colla a presa rapida che al termine del tempo di asciugatura risulterà trasparente. Ottima per incollare la pasta polimerica su metallo, vetro, ceramica, marmo, cemento, pietre dure, legno, varie gomme e pvc!

Buona regola prima di effettuare le operazioni di incollaggio, è quella di assicurarsi di pulire le superfici da oli e grassi e che siano ben asciutte.

Nei supporti in metallo è necessario carteggiare leggermente la superficie per renderla più porosa. Avremo, con questo accorgimento, migliori risultati di tenuta.

photo credit: jspad via photopin cc

Se vuoi scoprire di più sulle creazioni di Mia, visita il suo canale Youtube!

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI