Paste polimeriche: i colori, i pigmenti e i materiali da inclusione

Guida Guida

Esperta di Paste Polimeriche
Simona Sanfilippo

Con l'uso dei colori e dei materiali da inclusione gli oggetti creati con le paste polimeriche possono diventare davvero unici e splenidi! Vediamo quali prodotti utilizzare e come utilizzarli!

Le paste polimeriche si presentano in panetti di diversi colori, oltre al bianco e al nero. Sono molte anche le varianti. Come quelle glitterate, pastello, neon. Se ancora non siamo soddisfatti e vogliamo colori più particolari possiamo farlo.

La cosa bella delle paste polimeriche è la possibilità di farle diventare uniche e personalizzate

Come? Colorandole a piacere, magari partendo proprio da una base neutra come il bianco o il trasparente. Possiamo utilizzare i colori ad olio, i colori acrilici a base d’acqua, i pigmenti. Dipingiamo i panetti prima della cottura in forno.

Per colorare una porzione di pasta polimerica stendiamola in una sfoglia molto sottile. Con un pennello a setole morbide e piatte passare il colore su tutta la sfoglia. Tingere con la colorazione desiderata solo un lato della sfoglia, dopodiché avvolgerla su se stessa. Impastare bene tra le mani e stenderla nuovamente. Otterremo così un colore uniforme.

Oltre a colorare la pasta polimerica possiamo anche includere all’interno molte texture di vario genere. Dai glitter colorati, alle microsfere. Oltre a ingredienti naturali come la polvere di caffè, lo zucchero semolato per dare un effetto granuloso.

Sicuramente sperimentare in questo caso è di dovere. Possiamo trovare così tantissime varianti per dare un effetto sicuramente particolare e unico alle creazioni.

Se vuoi scoprire di più sulle creazioni di Mia, visita il suo canale Youtube!

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI