La Costiera Amalfitana

Guida Guida

Un viaggio alla scoperta dell'antica Repubblica marinara

I quaranta chilometri di costa che si estendono tra Positano e Vietri sul Mare delimitano la Costiera Amalfitana, una delle mete turistiche più famose non solo nel nostro Paese, ma anche a livello mondiale. Tra antiche ville romane, chiese medievali, ricchi musei, paesaggi mozzafiato e bellissime architetture abbarbicate su ripide scogliere tra mare e monti, la costiera è il simbolo dell’Italia marinara.

Il sito è iscritto alla lista del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO dal 1997; la straordinarietà del sito è data dalla sapiente fusione tra architettura e natura: i colori pastello delle costruzioni sono abbracciati dal turchese del mare, dal verde della macchia mediterranea e dal giallo dei limoni, dai quali si ricava il famosissimo limoncello della costa d’Amalfi.

Questa parte di costa prende il nome dalla città di Amalfi; la citta ha origini antichissime, affonda infatti le radici nella storia romana, e diventa poi nel VI secolo un’importante sede vescovile. Dopo lunghi anni sotto l’influenza di Napoli, nell’anno 839 si trasforma in una repubblica indipendente, determinata a estendere la propria influenza coloniale nel Mediterraneo. Questo permise agli amalfitani di venire a contatto con molte civiltà tra cui quella araba, bizantina e germanica.

Amalfi, Atrani, Cava de' Tirreni, Cetara, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Sant'Egidio del Monte Albino, Scala, Tramonti, Vietri sul Mare sono i comuni della costa. Si conservano ancora oggi importanti reperti che testimoniano i tempi d’oro della Repubblica marinara: tutto il territorio era protetto da fortificazioni, castelli e torri, volti a difendere le città dalle frequenti incursioni di barbari e pirati saraceni.

La visita di questa zona del golfo di Salerno inizia dall’antico borgo di pescatori di Positano, oggi rinomatissima località balneare. La città conserva intatto il fascino un po’ bohémien che la rese famosa negli anni Sessanta, con botteghe di artisti e locali che affollano le stradine erte e intricate, puntellate di colorate abitazioni in stile mediterraneo dalla forma cubica. Le atmosfere di Positano hanno ispirato il famoso stile ‘alla marinara’ impostosi nella moda di capi d’abbigliamento e costumi da bagno.

Furore è situato in un vallone, cui si accede attraverso un piccolo sentiero, con rocce a strapiombo e case abbarbicate. Prima di entrare in Amalfi vale la pena visitare la grotta della Smeraldo, grande cavità parzialmente invasa dal mare, così detta per la colorazione della luce che vi penetra filtrata dall’acqua, situata nella baia di Conca dei Marini.

Amalfi è la più antica repubblica marinara e una delle località turistiche più famose del mondo. Raccolta scenograficamente tra la roccia e il mare, ha una struttura urbana quanto mai intricata e tortuosa, con viuzze strette e coperte di edifici addossati l’uno all’altro a formare un affascinante dedalo che si apre in slarghi e cortiletti. Centro della cittadina è la piazza del Duomo, che ne ospita il principale monumento, del IX secolo, con l’attiguo chiostro del Paradiso. Di grande importanza storica il Museo civico, che conserva la Tabula amalphitana, codice delle leggi marittime e consuetudinarie della repubblica tra XI e XII secolo, ma anche gli Arsenali, la torre e l’ex convento dei cappuccini. Dal centro di Amalfi ci si può addentrare a piedi nella Valle dei Mulini, dove vi sono i ruderi di antiche cartiere, testimonianze della tradizione artigianale medievale che ancora oggi continua a sopravvivere.

Atrani è un altro delizioso borgo di pescatori, insieme alla vicina Ravello con la sua posizione rupestre dalla quale si gode una meravigliosa vista panoramica di tutta la costa. Il fascino dei palazzi in stile arabo-siculo, la quiete dei giardini delle ville Cimbrone e Rufolo donano alla città un fascino straordinario.

Assolutamente da visitare è la coloratissima cittadina di Vietri sul Mare, in bellissima posizione sul golfo di Salerno, famosa per la prestigiosa tradizione ceramica che si esprime in fogge e decorazioni dal tradizionale gusto mediterraneo, coltivata nei numerosi laboratori di tutta la costa e famosa in tutto il mondo.

www.comune.amalfi.sa.it

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI