Natura, storia e tradizione sull'Appennino

Guida Guida

In Liguria, nel Parco Regionale dell'Antola

Il Parco Regionale dell’Antola è stato istituito nel 1995 e interessa 4837 ettari nella provincia di Genova. Il territorio collinare-montano confina a nord con il Piemonte e a est con l'Emilia Romagna. L’area protetta nell’entroterra ligure è dominata dalla cime dell’omonimo monte, che raccorda la Valle Scrivia con quella del Trebbia. Queste presentano aspetti geomorfologici molto differenti, andando dalle formazioni rocciose come il conglomerato di Savignone, ai pendii più dolci del calcare marnoso dell'Antola. Tra vette impervie convivono vari ambienti: valli, boschi, pascoli e radure, corsi e bacini ricchi d'acqua, tra i quali molto suggestivo è il lago del Brugneto.

Secolari castagneti e boschi di latifoglie ammantano le zone più basse, mentre faggete e pascoli si trovano alle quote superiori. Il parco è famoso per le fioriture primaverili di narcisi, ormai rari in Liguria, oltre a varie specie di orchidee, genziane, gigli, ranuncoli e aquilegie. Le pareti scoscese sono l’ambiente ideale per la nidificazione del falco pellegrino e di altri rapaci come il pecchiaiolo e il biancone. Tra gli invertebrati è interessante la presenza del gambero di fiume, mentre tra i mammiferi si segnalano caprioli, cinghiali e daini.

Il monte Antola è uno storico crocevia di collegamento extra-regionale: le mulattiere hanno permesso alle comunità locali nel corso dei secoli scambi commerciali e culturali. In passato l'Antola era frequentato dai valligiani per la raccolta di erbe officinali e aromatiche, utilizzate come rimedi naturali.

Nel parco convivono natura e storia: vicino all’abitato di Vobbia si trova il Castello della Pietra, uno splendido maniero arroccato fra due torrioni naturali di roccia. Venne costruito intorno all'anno 1000 dai Vescovi di Tortona, forse in funzione antisaracena, aveva funzione di presidio sulla strada che collega Vobbia a Isola del Cantone ovvero la Via del Sale alla Via Postumia in Valle Scrivia. Antichi borghi rurali invece testimoniano tracce della cultura contadina della zona, mentre minuscoli paesini sparsi sui crinali sembrano piccoli presepi. Sono molto diffusi sul territorio i mulini e i ‘casoni’, delle costruzioni in pietra in passato usate per la fienagione e il pascolo nel periodo estivo.

L’area protetta è particolarmente adatta per gli amanti dello sport: il torrente Trebbia, in particolare, con le sue acque limpide e i caratteristici meandri, rappresenta un tradizionale richiamo per i turisti.

Nel parco si trovano anche alcuni Santuari, come quello di Montebruno, situato nell’omonimo paese in Val Trebbia. L'interno è di impianto gotico, mentre gli ornamenti e le decorazioni sono di ispirazione barocca; vi si trovano pregevoli affreschi, tele, e un prezioso Crocifisso ligneo del Seicento. Il Convento adiacente al Santuario fu edificato dai frati agostiniani nel 1486 in memoria della miracolosa apparizione della Madonna a un pastorello muto, avvenuta nel 1478. A Montebruno c’è anche il Museo della Cultura Contadina, che illustra il modellamento del paesaggio rurale della zona operato dalle popolazioni locali.

A Busalla, in Valle Scrivia, c’è invece il Santuario di Nostra Signora della Bastia, dedicato al culto Mariano e derivato dall'ampliamento di una precedente cappella campestre; da qui è possibile osservare il punto di contatto tra i calcari marnosi dell'Antola e il conglomerato di Savignone.

Nell’area protetta ci sono cinque Centri Visita, di cui due a Torriglia, il Centro di Turismo Equestre e Rifugio Escursionistico e la Torriglietta, sede operativa dell'Ente dove vengono coordinate le attività scientifiche e didattiche. Poi ci sono il Rifugio escursionistico di Rondanina e il Rifugio Parco Antola a Propata. Infine a Busalla c’è la sede amministrativa del parco, Villa Borzino, un edificio rinascimentale dei primi del Novecento. Nel parco della villa si può ammirare il ‘ninfeo’, una grotta finemente decorata.

Parco Naturale Regionale dell'Antola
La Torriglietta, Via N.S. Provvidenza, 3 - 16029 Torriglia (GE)

www.parcoantola.it

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI