I doni di santa Lucia

Guida Guida

Il 13 dicembre nell'Italia nordorientale: tradizioni e festeggiamenti

Gesù bambino, Babbo Natale, San Nicola o la Befana, sono tante le figure alle quali, in varie zone d’Italia, è associata la funzione di portare doni ai bimbi durante il periodo che va dai primi giorni di dicembre all’Epifania; nell’area che si estende tra Venezia e Bergamo è santa Lucia a occuparsi di portare i regali ai bambini buoni.

Vissuta a Siracusa tra la fine del III secolo e i primissimi anni del IV, Lucia votò la sua vita a Gesù e distribuì ogni suo bene ai poveri della città per seguire con maggiore coerenza il modello evangelico. Il suo culto si diffuse rapidamente, tanto che si hanno testimonianze di una sua venerazione già alla fine del IV secolo, e la sua festa liturgica venne stabilita, in memoria del suo martirio, proprio il 13 dicembre, che, fino all’introduzione del calendario gregoriano (1582), coincideva anche con il solstizio d’inverno (da qui il famoso detto “Santa Lucia il giorno più corto che ci sia”).

La tradizione più famosa tra quelle che collegano la santa ai doni è indubbiamente quella di Verona. In questa città, nel Duecento si diffuse una grave epidemia di ‘male agli occhi’ che colpiva, in particolare, i bambini. Genitori e parenti decisero, allora, di chiedere una grazia alla Santa, protettrice della vista, attraverso un pellegrinaggio a piedi nudi fino alla chiesa a lei dedicata; tuttavia i bambini, spaventati dal freddo e dalla fatica, erano restii a parteciparvi, perciò, per convincerli, fu promesso loro che, una volta ritornati a casa, avrebbero trovato le loro calze e le loro scarpe riempite da santa Lucia di una gran quantità di doni e dolciumi. I bambini accettarono, così, di mettersi in cammino e, dopo poco tempo, l’epidemia cessò.

Da quel momento in avanti, secondo la tradizione, nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, santa Lucia arriva puntuale, in compagnia del suo asinello e di un aiutante, per portare i regali ai più piccoli. La sera del 12 dicembre, i bambini lasciano sul tavolo un po’ d’acqua e un piatto con del cibo per offrire ristoro alla santa e della paglia per il suo asinello, e vanno a dormire presto, temendo che santa Lucia possa accecarli con la cenere nel caso li trovasse svegli. La mattina successiva trovano il piatto riempito di regali e dolci, tra cui le tipiche ‘pastefrolle di santa Lucia’, ai bambini buoni e carbone dolce a quelli più birbanti.

La tradizione dei pellegrinaggi, prima diretti alla chiesa di Santa Lucia Intra e in seguito in quella di Santa Agnese in piazza Brà (che fu demolita nel 1837 per far posto al Comune), cessarono progressivamente, ma rimase l’usanza di portare i bambini in piazza. Ciò contribuiva a concentrare in piazza Brà venditori di giocattoli e dolciumi, mantenendo viva, in questo modo, la tradizione dei regali nel giorno di Santa Lucia. Ancora oggi, tra il 10 e il 13 dicembre di ogni anno, piazza Brà è sede di un mercatino variegato e molto frequentato, i cosiddetti ‘banchetti di santa Lucia’, con bancarelle ricche di giocattoli e dolciumi di ogni genere.

Questa tradizionale fiera è sovrastata da un’archiscultura di acciaio alta 70 metri e raffigurante un’enorme stella cometa che collega la piazza alla vicina Arena di Verona, cornice suggestiva della rassegna internazionale di presepi, che dal 1984, nei mesi di dicembre e gennaio, raccoglie a Verona più di quattrocento presepi provenienti da tutto il mondo.

A Bergamo ci sono usanze simili che accompagnano la consegna dei doni ai bambini da parte di santa Lucia nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, ma c’è un’altra tradizione che riguarda le giornate immediatamente precedenti: a partire dai primi decenni del Novecento, infatti, tutti i bambini della città e delle zone circostanti fanno la fila per portare le letterine con le loro richieste per santa Lucia ai piedi della sua statua posta nella Chiesa di Santa Maria dello Spasimo.

In alcune città della provincia bergamasca, inoltre, vi è la tradizione che la Santa compaia nelle piazze e consegni regali ai bambini che vi si riuniscono aspettandola.

associazionesantalucia.it
www.verona.net
www.provincia.bergamo.it

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI