Stile e design in Piazza San Marco

Guida Guida

Negozio Olivetti: piccolo capolavoro architettonico nel centro di Venezia

Passeggiando sotto i grandi portici delle Procuratie Vecchie in Piazza San Marco a Venezia, si può scovare un piccolo locale a due piani che, malgrado le dimensioni ridotte, è un vero e proprio gioiello di architettura, stile e design: si tratta del Negozio Olivetti, che fu progettato nel 1957-58 da uno degli architetti più importanti del XX secolo, Carlo Scarpa (1906-1978). Si tratta, in ordine cronologico, dell’ultima opera architettonica importante realizzata nella piazza.

Dopo aver vinto il Premio Nazionale Olivetti per l’architettura nel 1956, infatti, Scarpa fu scelto proprio da Adriano Olivetti (1901-1960) per occuparsi della sistemazione di alcuni locali dismessi di una vecchia bottega di Piazza San Marco, da lui acquisiti in partnership con Assicurazioni Generali.

Nelle intenzioni del committente, questo spazio avrebbe dovuto, infatti, diventare la sede di un ambiente che accogliesse le esposizioni dei prodotti della Olivetti, azienda italiana leader nel settore delle macchine per scrivere, da calcolo e dell’elettronica in modo che il negozio non fosse semplicemente un’attività commerciale, ma avesse anche una funzione di rappresentanza e trasmettesse un’idea di cultura, innovazione, modernità ed eccellenza tecnologica.

Malgrado le difficoltà iniziali, dovute ai vincoli imposti dalle strutture architettoniche preesistenti e agli spazi ristretti, Scarpa riuscì a trovare una soluzione innovativa e raffinata per soddisfare le richieste di Olivetti. Decise di intervenire, in primo luogo, sull’esterno del locale, ampliando e aumentando il numero delle vetrine per sfruttare al massimo la visibilità concessa dalla posizione d’angolo e, allo stesso tempo, dare più luce all’ambiente. In seguito, si occupò della riorganizzazione dello spazio interno, eliminando il muro di tramezzo al piano terra, per ottenere un largo ambiente unicoche fosse dedicato interamente all’esposizione dei prodotti e alla vendita.

Attraverso un’elegante scala costruita a ripiani sfalsati e collocata al centro di questo ambiente, si accede al piano superiore, costituito da un pianerottolo, due lunghi ballatoi, con ripiani in metallo e vetro per l’esposizione delle macchine per scrivere, e due stanze laterali, una delle quali adibita a ufficio.

Per impreziosire gli interni, furono scelti materiali pregevoli - dal marmo al tek, dall’acciaio al palissandro - e tecniche di tradizione veneziana, per esempio la pavimentazione a mosaico in tessere di vetro, in questo caso collocate in modo irregolare e con una colorazione differente a seconda della zona del negozio.

Gli arredi sono essenziali ma di grande effetto: tra di loro spicca la scultura Nudo al sole di Alberto Viani (1906-1989), uno stilizzatissimo nudo bronzeo dalle linee morbide, poggiante su una base di marmo nero coperta da un velo d’acqua in leggero movimento.

La bellezza del Negozio Olivetti fu immediatamente e ampiamente riconosciuta; tuttavia, con il passare degli anni e il cambiamento dei mercati, la gestione di questo spazio divenne troppo onerosa per i proprietari che decisero di chiuderlo nel 1997, dopo averne ottenuto il riconoscimento del valore storico e artistico da parte della Sovrintendenza alle Belle Arti di Venezia.

Dopo essere stato occupato da una galleria d’arte ed essere stato, in seguito, trasformato in una rivendita di souvenir per un breve periodo, il negozio venne restaurato nel 2009 e riportato al suo splendore originale sotto la direzione dell'architetto Gretchen Alexander Gussalli Beretta e l'alta sorveglianza di Renata Codello, soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici della città.

Infine Assicurazioni Generali decise, nel 2011, di dare il locale in concessione al FAI, affinché si occupasse della sua apertura al pubblico, cosicché tutti potessero ammirarne lo stile peculiare e le bellezze; oggi, infatti, il Negozio Olivetti è diventato il primo negozio-museo che ripercorre la storia della Olivetti attraverso una preziosa collezione di macchine per scrivere e da calcolo storiche.

www.negoziolivetti.it
www.fondoambiente.it 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI