Chiara, fresca e dolce Montecatini

Guida Guida

Acque pure e stabilimenti termali a Montecatini Terme, in provincia di Pistoia

‘Chiare, fresche et dolci acque’, cantava il Petrarca ispirato dalla Fonte di Valchiusa. Ma quali altre parole potrebbero meglio definire le limpide fonti di Montecatini Terme? La bellezza di questi luoghi ha attratto in passato personaggi famosi come Giacomo Puccini, Ranieri di Monaco e Grace Kelly, Clark Gable, Audrey Hepburn e Christian Dior, che morì proprio qui, il 24 ottobre 1957. Come è evidente già dal nome, la storia di questa cittadina in Valdinievole, patria del wellness e del relax, si lega indissolubilmente a quella delle sue acque fin dal XIII secolo: in una pergamena lucchese del 1201 circa, infatti, si parla già dei benefici dei suoi ‘bagni’.

Ma è solo nel XVIII secolo, grazie al granduca di Toscana Pietro Leopoldo d’Asburgo-Lorena, che questo bacino idrominerale inizia a essere valorizzato a dovere. Il Granduca, infatti, intendeva farne una ‘città dei bagni’ e, a tale scopo, fece realizzare un’efficiente canalizzazione delle acque sorgive e alcuni stabilimenti termali, e dispose la bonifica della zona paludosa circostante così da risanare l’aria.

Da quel momento in poi, Montecatini andò sempre più affermandosi come luogo dedicato alle cure termali e al benessere, tanto da essere riconosciuta oggi come una delle stazioni termali più rinomate e attrezzate al mondo e membro dell’European Historic Thermal Towns Association, rete europea che riunisce le città termali con un significativo patrimonio architettonico e culturale e le cui acque possiedono proprietà certificate e famose a livello internazionale.

Le virtù delle acque montecatinesi, indicate in particolare per la cura dei disturbi legati all’apparato gastroenterico, furono indagate approfonditamente da molti studiosi nel corso dei secoli, tra i quali si distingue la scienziata polacca Marie Skolodowska Curie, meglio nota come Madame Curie, che all’inizio del Novecento si occupò di studiarne la radioattività. Esse sgorgano limpide da quattro sorgenti, dalle quali derivano acque potabili e rigeneranti, ognuna dotata di caratteristiche peculiari: Regina, acqua che ridona equilibrio all’organismo e in particolare al fegato e alle vie biliari, Leopoldina, che libera il corpo, Tettuccio, che depura e conferisce dinamismo, e Rinfresco, che favorisce l’eliminazione delle scorie.

Il parco delle Terme si estende per 420.000 m2 e conta ben otto stabilimenti attrezzatissimi immersi nel verde, che possono vantare architetture imponenti e dall’eleganza sofisticata al tempo stesso: le Terme Leopoldine, le Terme Tamerici, le Terme Excelsior, le Terme Tettuccio, le Terme Regina, le Terme Redi, le Terme La Salute e l’Istituto Termale Grocco.  Queste strutture propongono una vasta gamma di servizi adatta a tutte le necessità: dai trattamenti benefici e curativi (per esempio i fanghi, i bagni, le docce intestinali, le terapie inalatorie e i trattamenti idropinici, che sfruttano cioè la somministrazione dell’acqua minerale per bibita a scopo terapeutico) alle cure di benessere e bellezza.

Tra questi, lo stabilimento più antico e forse più bello di Montecatini è il Tettuccio, noto fin dal XIV secolo, quando c’era solo una piccola tettoia di legno a riparare la sorgente dalla pioggia (il Tettuccio da cui deriva il nome); in seguito subì numerose trasformazioni a livello strutturale, fino ad assumere nel 1919 il volto attuale, che l’ha reso celebre nel mondo. Considerato il simbolo della città, l’imponente edificio è ispirato alle antiche terme romane e il suo effetto scenografico risulta accresciuto dal rigoglioso parco circostante, ricco di cedri del Libano, palme, sequoie, acacie, glicini, pini e tigli e abbellito da colonnati, fontane e grandi aiuole fiorite. L’interno dell’edificio, invece, è un vero e proprio capolavoro dello stile liberty, caratterizzato da lucernari e vetrate colorate e ricche decorazioni pittoriche e architettoniche. Assolutamente da vedere è la Fontana dei coccodrilli, attorniata dal colonnato d’ingresso e posta di fronte a un’ampia vasca circolare; essa simboleggia la forza e le virtù dell’acqua ed è abbellita da due coccodrilli bronzei che reggono una grande conchiglia di granito. Da questa zampilla limpida l’acqua della sorgente Tettuccio, che si riversa poi in un piccolo bacino contornato da eleganti creature marine.

www.termemontecatini.it

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI