Voglia di evadere per Pasqua? Scappate a Favignana

Guida Guida

Un’isola paradisiaca nell’arcipelago delle Egadi, al largo delle coste occidentali della Sicilia.

Per le vacanze di Pasqua prendete un traghetto a Trapani e fatevi portare sulle isole Egadi: in particolare scegliete Favignana. L'arcipelago comprende anche Levanzo e Marettimo, e gli isolotti di Maraone e Formica, più vicini alla costa di Trapani. Le isole fanno parte dell'Area Marina Protetta Isole Egadi che, con i suoi 532 km² di estensione, è la più vasta d'Italia.

Favignana è di natura calcarea, prevalentemente collinosa e con coste frastagliate e ricche di approdi

Le spiagge incontaminate, il mare dal blu intenso, il sole caldo tipico del sud e l’ottimo cibo siciliano saranno lì ad accogliervi. Andate al porto e comprate il pesce fresco direttamente dai pescatori. Se non vi piace cucinare, non temete: troverete sicuramente ottimi ristorantini in cui gustare i piatti tipici della tradizione.

Al centro dell'abitato di Favignana sorge la chiesa dell'Immacolata Concezione, del XVIII secolo. Sul porto vi è l'ottocentesco villino Florio, in stile liberty, sede municipale; a poca distanza si trovano gli edifici della tonnara. I forti di Santa Caterina e di San Giacomo sono testimonianze del periodo normanno.

Capiamo qualcosa della storia di queste piccole isolette del sud Italia. Abitato fin dall'epoca preistorica, l'arcipelago fu conteso tra Cartaginesi e Romani, che lo conquistarono nel 241 a.C. Appartenuto fino al Cinquecento agli spagnoli, in seguito divenne possesso dei Pallavicini-Rusconi, dai quali nel 1874 fu ceduto ai Florio, passando infine ai Parodi di Genova. Il borgo di Favignana, già postazione di avvistamento saracena, venne fortificato in epoca normanna; fu utilizzato dall'età borbonica come carcere.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Hobby e tempo libero
SEGUICI